menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'autostazione di Thiene

L'autostazione di Thiene

Thiene, folle d'amore picchia una 16enne che va a scuola: denunciato

Un 24enne di origini bangladesi si è reso protagonista di un violento episodio avvenuto martedì mattina. Prima è salito nell'autobus della sua ex, minorenne, poi l'ha percossa sia durante il tragitto sia alla stazione

Non riusciva a farsi una ragione che la loro storia fosse finita e, dopo due mesi di minacce e violenze, un 24enne, originario del Bangladesh, ha molestato la sua ex, 16enne, davanti ai passeggeri dell'autobus prima e in stazione poi. Solo l'intervento della polizia locale ha fermato il folle innamorato.  Secondo quanto riferito dalla ragazza, l'autista si sarebbe rifiutato di farlo scendere.

Martedì mattina, il giovane ha aspettato la studentessa alla stazione delle corriere di Vicenza ove sapeva che lei, dopo il tragitto da Arzignano, sarebbe salita sul mezzo diretto a Thiene, ove frequenta una scuola. Lungo tutto il viaggio l'ha molestata anche afferrandole la testa e sbattendola contro il finestrino, oltre a minacciarla dicendo che aveva un coltello con se. La ragazza, rivolgendosi all'autista, chiedeva di far scendere il ragazzo ma questi riferiva che non era possibile farlo scendere poichè aveva pagato regolamente il biglietto.

Alle ore 06:50 la corriera giungeva regolarmente a Thiene e il ragazzo spingeva la minorenne verso i cassonetti della stazione con la scusa di doverle parlare. Nel frangente le prelevava lo zaino ed il telefono cellulare. La ragazza riusciva a divincolarsi cercando rifugio dentro il bar, ove chiedeva alla gestrice di chiamare le forze dell'ordine. Nel frattempo il ragazzo la raggiungeva nel bar e la gestrice cercava di farlo desistere dal suo intento. Visto che la situazione non accennava a migliorare, la donna chiedeva ad un cliente di accompagnare la ragazza a scuola. L'uomo, un 65enne di Thiene, raccontava poi alla polizia locale di avere visto il ragazzo piangere ed urlare: "Sei la mia ragazza. Vieni con me!".

L'uomo cercava poi di calmarlo ma il ragazzo afferrava per i capelli la minorenne cercando di trascinarla fuori dal bar. Il cliente interveniva prelevando la minorenne e cercando di accompagnarla a scuola, uscendo dal bar. Il ragazzo lo minacciava urlando: "ti uccido" e cercava di afferrare la minorenne. A quel punto nasceva una colluttazione tra i due, motivo per il quale il cliente decideva di riportare la ragazza all'interno del bar con l'aiuto di un autista delle corriere. Solo a quel punto veniva effettivamente richiesto l'intervento delle forze dell'ordine. Udendo la richiesta telefonica, il ragazzo si allontanava, venendo rintracciato dalle pattuglie a circa 200 metri di distanza. Alla presenza di familiare maggiorenne, la ragazza descriveva di avere già subito episodi analoghi negli ultimi due mesi a Vicenza e Montecchio Maggiore.


Nella circostanza sporgeva regolare denuncia-querela e l'uomo, che negava, veniva riconosciuto senza ombra di dubbio da tutti gli intervenuti come l'autore del reato in danno della minorenne. Per tale motivo veniva foto-segnalato dalla polizia locale e deferito alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Vicenza.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Vicenza usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Attualità

Italia verso il lockdown e la zona rossa in tutte le regioni

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Coronavirus, superati i 10mila morti in Veneto

  • Cronaca

    Cronista di Vicenzatoday aggredito durante un reportage

  • Cronaca

    Adesca sui social un minore, denunciato per pedopornografia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento