Accoltellata dal marito scappa per chiedere aiuto: 42enne arrestato per tentato omicidio

L'episodio è accaduto verso le 20 di martedì a Montecchio Maggiore. La donna ha rimediato una ferita da taglio all'addome ma non è in pericolo di vita

Finisce in carcere con la accusa di tentato omicidio, B.B., il 42enne che nella serata di martedì è stato fermato dai carabinieri dopo un episodio di sangue verificatosi a Montecchio Maggiore, in via Stazione. 

L'intervento dei carabinieri è stato richiesto dalla vittima, la moglie 39enne di Basso, che avrebbe raccontato di essere stata accoltellata dal marito. La donna dopo l'aggressione avvenuta nell'appartamento di un conoscente, è scappata arrivando sino nell'androne del palazzao dove si è accasciata. 

All'arrivo in via Stazione, i militari hanno trovato la donna con il ventre intriso di sangue. Vicino alla donna c'erano dei commercianti del luogo, che le avevano prestato la prima assistenza. La donna, pur lamentandosi per i dolori provocati dal profondo taglio all’addome, era cosciente ed ha accusato il marito di averla accoltellata, indicando un uomo, che in quel momento si trovava sul balcone di un appartamento di primo piano dello stabile.

Dal canto suo l’uomo, sempre dal balcone gridava che era stata la donna a compiere un gesto autolesionistico. Mentre un carabiniere rimaneva con la ferita, il secondo militare, con il supporto di un collega libero da servizio che si trovava a transitare, saliva in casa ed identificava il presunto aggressore.

Il personale del Suem 118, intervenuto sul posto ha trasportato la donna al “San Bortolo” in codice rosso, per le cure del caso. Arrivati in ospedale i medici hanno constato che la profondità del taglio costituito da una ferita importante e potenzialmente letale. La lama era infatti penetrata sino a sfiorare organi vitali, senza tuttavia lederli.

Subito dopo i fatti, l'uomo è stato portato in caserma per far chiarezza sull'accaduto. Qui, i militari hanno appurato che moglie e marito, residenti a Vicenza, erano a Montecchio Maggiore, ospiti di un amico, per le vacanze pasquali. Nel pomeriggio, in assenza del padrone di casa, i due avrebbero iniziato una delle loro frequenti liti, culminata col ferimento della donna.

La coppia da tempo problemi relazionali, e la stessa vittima, ad aprile del 2019, aveva denunciato il marito per maltrattamenti, ottenendone l’allontanamento dalla casa famigliare, che all’epoca era in provincia di Messina. I coniugi tuttavia, col tempo, si erano riavvicinati ed avevano ripreso a convivere ma nel comune di Vicenza. 

I militari hanno rinvenuto nell'immobile il coltello da cucina utilizzato, con una lama di 20 cm, con tracce di sangue e hanno quindi proceduto al sequestro sia dell’arma che dell’appartamento. 

Nella tarda serata, all’esito degli accertamenti, il 42enne è stato arresatto, per tentato omicidio aggravato, commesso ai danni della moglie. Sulla base degli elementi raccolti. mercoledì mattina, l'uomo è stato condotto al carcere di Vicenza a disposizione dell'autoritù giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Le norme per viaggiare in auto ancora in vigore: multe e numero di passeggeri

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento