Il suicidio della giovane ballerina: nessun biglietto, il male di vivere

Il dramma si è consumato domenica mattina, nella villetta di famiglia a Monticello di Fara, Sarego. Rientrando, i genitori l'hanno trovata impiccata. All'origine del gesto un profondo malessere

Immagine d'archivio

E' stato un male di vivere profondo quanto ingiustificato a condannare a morte una ballerina classica 16 enne, bella e brillante negli studi. La tragedia è avvenuta domenica mattina: la ragazza era rimasta sola in casa per poco più di un'ora ed al rientro i genitori l'hanno trovata impiccata, nella loro villetta a Monticello di Fara, Sarego. 

Nessun biglietto nè messaggio per spiegare il drammatico gesto, solo un saluto amaro, alcuni giorni prima, all'amico del cuore. "Sto troppo male" gli avrebbe confidato, secondo quanto riportato da Il Giornale di Vicenza. La giovane frequentava un isitituto superiore della città: al rientro dalle vacanze, ai compagni non resterà che guardare il suo banco vuoto, chiedendosi "perchè". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, tre contagi nel Vicentino: infettati in isolamento fiduciario

  • Coronavirus, allerta in provincia: scuole chiuse e manifestazioni annullate

Torna su
VicenzaToday è in caricamento