menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sergio Sorarù, l'ultimo discendente della famiglia di pasticceri

Sergio Sorarù, l'ultimo discendente della famiglia di pasticceri

La pasticceria più antica di Vicenza: Sorarù

Punto di riferimento per i golosi vicentini, con il giusto mix di tradizione e sapore, la pasticceria Sorarù fa parte della storia della città. Tutto è iniziato in un paesino ai piedi della Marmolada...

Il segreto del successo in pasticceria è: "Pazienza e precisione" parola di Sergio Sorarù, l'ultimo discendente della dinastia che da due secoli delizia i vicentini con pastine, brioches e soprattutto plumcake. La storia dei Sorarù parte, però, lontano dall'architettura del Palladio, in un paesino di montagna in provincia di Belluno situato sulle rive di un ruscello. Proprio da quel particolare topografico deriva il nome del paese della famiglia stessa: letteralmente sora (sopra) la rù (fiume di montagna). 

"Noi Sorarù siamo a Vicenza dalla metà del 1800 - Continua il pasticcere - quando i miei avi arrivarono da un paesino ai piedi della Marmolada, nel bellunese, aprirono un caffè in Corso Palladio, lo stesso edificio che  è rimasto nella nostra insegna."All'epoca la via principale del centro storico era intitolata al principe Umberto, il futuro re d'Italia. Trascorsero gli anni, le carrozze che si fermavano davanti alla pasticceria diventarono automobili, ma quello che non cambiò fu la ricetta del famoso plumcake. Un segreto che i Sorarù tramandano di generazione in generazione. "Il metodo di preparazione e gli ingredienti sono rimasti gli stessi - Spiega Sergio - perfino lo stampino in allumino è quello utilizzato da mio nonno. Per fare i plumcake devo ancora immergere le mani nel impasto, proprio come faceva lui". 

Solo la Seconda Guerra Mondiale interruppe il rapporto tra la città e la famiglia di pasticceri, costretti dai problemi legati al conflitto ad abbandonare il negozio. Vi fecero ritorno nel 1949. "Dopo la guerra mio nonno decise di riprendere in mano l'attività di famiglia - Racconta Sergio Sorarù - lasciò il paese dove era nato e dove è nato mio padre, io sono l'unico partorito in città, e andò a Venezia per lavorare in una pasticceria. Nel '49 ebbe l'occasione di rilevare il caffè Palladio, un bar che era aperto dal 1870, lo stesso dove ci troviamo oggi." Da allora le cose sono molto cambiate, ma la passione dei vicentini per le creazioni dei Sorarù no. "Quando ero piccolo in centro c'erano molte più famiglie, si preparavano più pastine e meno brioches, e si servivano solo due tipi di caffè: liscio e macchiato. - Conclude Sorarù - Per il resto il lavoro è sempre uguale, ci vuole sempre la stessa passione. Io non pensavo di fare il lavoro di mio padre, poi, però, ho deciso di portare avanti la tradizione e non ne sento il peso. Non pensiamo nemmeno ad espanderci o ad aprire altri negozi, L'importante è continuare a fare le cose nel miglior modo possibile". 

INDIRIZZO Piazzetta Palladio Andrea 17, Vicenza, Italia
ORARI: gio - mar 7:30 - 19:30

I

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

Attualità

Coronavirus, il punto di Luca Zaia: «Rt del Veneto da arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento