Sky e richiedenti asilo: "Come ti smaschero le bufale (o quasi)"

Fabio Butera, giornalista che collabora con La Repubblica e Le Iene, ha fatto le chiamate che dovrebbero essere di rito e svelata l'inconsistenza di una notizia che aveva fatto il giro del media, senza alcuna verifica

Siccome non ho un cazzo da fare, dopo aver letto questa notizia ho chiamato la Questura di Vicenza per avere informazioni sulla vicenda presentandomi come giornalista. Il responsabile comunicazione della Questura mi ha fatto sapere che il Questore non è a conoscenza delle istanze dei richiedenti asilo durante la manifestazione dell'altro giorno consigliando di rivolgermi alla Prefettura E così ho fatto.

La Prefettura di Vicenza mi ha detto che le richieste rappresentate dai richiedenti asilo tramite la Cooperativa sono relative alle iscrizioni anagrafiche, ovvero ai certificati di residenza. E che a loro non risulta nessuna richiesta in merito ad abbonamento Sky: 'Lo abbiamo letto sul giornale anche noi' dice il vicecapogabinetto che si è occupato della questione.

Allora ho pensato di sentire il collega del Giornale di Vicenza che ha scritto l'articolo, il quale mi ha detto di avere una sua fonte che non può rivelare. Alla domanda se si fosse premurato di sentire anche i protagonisti della vicenda (I richiedenti asilo) mi ha detto che non c'è stato tempo.

Con questo post, il giornalista freelance Fabio Butera, ha gettato un'ombra pesantissima sull'operato della stampa locale, un'ombra che è diventata virale, visti i numeri delle condivisioni e dei commenti. 

"Non ho avuto modo di capire se la richiesta fosse vera o meno - spiega il collega a Vicenzatoday - Ma quello che mi ha lasciato maggiormente stupito è stata la facilità con la quale è stato fatto un titolo senza nemmeno sentire i diretti interessati. Se, ammesso e non concesso, qualcuno dei richiedenti asilo ha fatto richiesta per la pay tv, si è trattata di una cosa secondaria e limitata". "L'esito dell'articolo, invece, è stato quello di fomentare un clima di odio e intolleranza che è già a livelli di guardia se non oltre", conclude. 

Butera si è recentemente occupato per Repubblica di inchieste sugli sbarchi di migranti e della situazione dei "fattorini a domicilio". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di akala
    akala

    Siccome non hai un kazzo da fare... informarsi sul posto è il minimo sindacale!!! ciao. Il centro San Paolo di via Carducci dove alloggiano i migranti... VICENZA. Era la sera del 3 agosto quando da via Carducci era partita una richiesta d'aiuto al 113: all'interno del centro culturale San Paolo alcuni richiedenti asilo, ospitati dalla cooperativa Cosep, si stavano lamentando in maniera molto accesa, tanto che gli operatori si erano spaventati. La sala radio della questura aveva inviato poliziotti in borghese per calmare gli animi, perché una parte degli africani voleva occupare la strada. Dopo qualche minuto di tensione, la situazione era tornata alla normalità. Fra le lamentele dei migranti, espresse direttamente sia agli operatori che agli agenti, anche la richiesta di avere Sky per riuscire a vedere i programmi televisivi delle loro reti nazionali. Su richiesta anche della questura, la cooperativa aveva inviato in viale Mazzini e alla prefettura una relazione dettagliata di quanto avvenuto quella sera e nei giorni precedenti, con un elenco dei problemi che gli operatori stavano incontrando con il gruppo di africani. Quella relazione era stata poi girata alla procura, affinché valutasse eventuali profili di reato, perché le proteste avevano assunto, a detta dei dipendenti e dei volontari della cooperativa, toni decisamente troppo accesi.

  • Ma quale bufala! E voi date spazio a certi giornalai sinistri...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Brucia il Centro Benessere: danni ingenti alla struttura

  • Cronaca

    Baby ladri tentano il furto in negozio: denunciati

  • Cronaca

    Fiamme nella notte: rogo devasta casetta agricola

  • Cronaca

    Fugge dalla polizia e si getta dal quarto piano: grave 24enne

I più letti della settimana

  • Pfas, i risultati delle analisi: il 64% ha alterazioni nella pressione e nei valori del sangue

  • Auto nel fossato, rischia di annegare: gravissimo

  • Uccise il pitbull annegandolo con pietra al collo: sei mesi di carcere

  • Cadaveri profanati per rubare i metalli delle bare: orrore in un capannone

  • La morte dell'acqua: Non solo Miteni, trovato Pfas di "nuova generazione"

  • Agenti aggrediti a morsi da un profugo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento