rotate-mobile
Cronaca

Si ferisce in vacanza a Jesolo: corsa disperata al San Bortolo

Dopo essere caduto, il suo collo si è riempito d'aria e il vicentino rischiava di soffocare, per farsi curare ha preferito rischiare e corre all'ospedale di Vicenza. Ricoverato d'urgenza in rianimazione, si è salvato

Nonostante stesse rischiando di morire non ha voluto sentire ragioni e ha voluto farsi ricoverare al San Bortolo di Vicenza. L'episodio è avvenuto lunedì pomeriggio, protagonista un 50 vicentino in vacanza a Jesolo con la famiglia.

Di ritorno dalla spiaggia, l'uomo si è sentito improvvisamente male ed è caduto a terra. In un primo momento l'incidente sembra dovuto ad un semplice calo di pressione, ma le conseguenze dell'impatto sono state terribili. Nella caduta, l'uomo si è lesionato un bronco da cui è fuoriuscita un'anomala onda d'aria. In pochi minuti il collo dell'uomo ha iniziato a gonfiarsi facendoli perdere completamente la voce. A quel punto i famigliari volevano portarlo all'ospedale di Jesolo. Nulla da fare. Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, l'uomo ha deciso di tornare a casa e farsi visitare a Vicenza. 

L'auto ha bruciato i km di autostrada che dividono la località marittima da Vicenza, fino a giungere al pronto soccorso del San Bortolo. Il 50ene è stato visitato in codice giallo, ma con una tac i medici hanno immediatamente intuito che la situazione era grave. Si trattava infatti di un efisema mediastico, ossia la progressiva perdità di funzionalità degli alveoli polmonari che porta se non curata, al soffocamento. 

L'uomo e stato ricoverato in rianimazione e dunque intubato, martedì mattina le sue condizioni sono migliorate e ora respira da solo. Non è a rischio di vita. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si ferisce in vacanza a Jesolo: corsa disperata al San Bortolo

VicenzaToday è in caricamento