rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Si esibì al parco giochi, a casa di un vicentino materiale pedopornografico

Perquisita l'abitazione di M.A., 46enne vicentino, denunciato ad inizio luglio per atti osceni al parco Brenta Viva di Fontaniva. Sequestrate una massiccia quantità di materiale informatico e una ventina di cellulari

Era stato fermato dagli agenti della polizia municipale ad inizio luglio, l'esibizionista che, davanti a mamme e bambini, turbò la quiete del parco Brenta Viva di Fontaniva, calandosi i pantaloni e mostrando e "adoperando" i genitali. Una scena inquietante, quanto lo è il ritrovamento, come riporta Il Gazzettino di Padova, di un ingente quantitativo di materiale informatico, all'interno della sua abitazione nel Vicentino, che - sarà la consulenza ad accertarlo - potrebbe contenere file pornogratici, o, peggio, pedopornografici.


PERQUISIZIONE A CASA DELL'ESIBIZIONISTA. Quel giorno di inizio estate, gli agenti identificarono e denunciarono M.A., 46enne residente nel Vicentino. Su incarico del pubblico ministero Roberto Piccione, a seguito di quell'episodio è stata effettuata una perquisizione all'interno della residenza dell'uomo. Ad insospettire gli investigatori, una guantità spropositata di file sul computer e una ventina di telefoni cellulari. Tutto posto sotto sequestro, il materiale sarà affidato al consulente tecnico per gli accertamenti del caso. (da Padovaoggi.it)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si esibì al parco giochi, a casa di un vicentino materiale pedopornografico

VicenzaToday è in caricamento