rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca Schio / Via dello Sport

Schio, raffica di sgomberi per i nomadi

Sgomberi a ripetizione per le carovane parcheggiate tra Schio e Santorso. La polizia locale è dovuta intervenire 4 volte in due giorni per far spostare le case mobili dei nomadi. Nelle soste lasciati sempre rifiuti ed escrementi

Per quattro volte in due giorni la polizia locale è dovuta intervenire nelle zone industriali di Schio e Santorso per far sgomberare alcune carovane di nomadi. Ad ogni sosta e nuovo spostamento la situazione lasciata alle spalle dalle case mobili era di degrado, con immondizia ed escrementi abbandonati nei parcheggi. 

Una situazione difficile da sostenere, per questo l'amministrazione comunale di Schio sta studiando un nuovo regolamento che permetta di rivoluzionare i rapporti tra Comune e comunità nomade. 

Nei quattro casi avvenuti tra martedì e giovedì scorsi, le ordinanze di sgombero sono state eseguite in poche ore, ma non sempre tale celerità è possibile. Per questo occorre mettere mano ai regolamenti, come fatto ad esempio nel comune di Marano che ha da poco rivisto le regole in materia con l'aiuto del consorzio di polizia locale Alto Vicentino. 

Spiegazioni che non bastano alla ditta Nar in via lago di Lugano a Schio, che mercoledì mattina si è trovata immondizia ed escrementi davanti ai cancelli per il pernottamento di una carovana durante la notte. 

«È indegno, l´hanno fatto per spregio - hanno raccontato i dipendenti al Giornale di Vicenza - Tornano qui periodicamente e si è dovuto chiudere l´idrante antincendio per evitare furti d´acqua». Ad accamparsi era stata la stessa famiglia nomade che solo poche ore prima era stata fatta sgomberare dal parcheggio delle piscine nella non troppo lontana via dello Sport. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schio, raffica di sgomberi per i nomadi

VicenzaToday è in caricamento