Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Santorso

Santorso, errore medico ma l'assicurazione non paga

A causa di una diagnosi sbagliata una 46enne aveva ottenuto un risarcimento dall'Ulss 4 di 100 mila euro, pagata le prime due rate, però, l'assicurazione rumena è sparita nel nulla. Non è l'unico caso in Veneto

Nel 2012 un errore diagnostico prima di un intervento aveva cambiato la vita ad una 46enne di Schio: un ictus le era costato una perdita permanente della mobilità, nonostante nei mesi prima si fosse fatta visitare più volte dai medici dell'Ulss 4. I sintomi, perdità di equilibrio, vertigini, tremiti, erano stati archiviati come problemi legati all'ansia, ma nascondevano ben altro per questo, dopo l'intervento, alla donna era stato garantito un indennizzo di 100 mila euro. L'assicurazione a cui l'Ulss si affidava, però, avrebbe pagato solo le prime due rate da 35 mila euro "dimenticando" la terza. Per questo è scattata la querela. 

Come riportato da il Giornale di Vicenza, casi analoghi starebbero avvenendo in tutta Italia, sotto accusa la compagnia di assicurazioni con sede a Bucarest a cui si affidavano diverse strutture sanitarie italiane, che da tempo non salda i suoi debiti. Dopo aver sporto querela, la donna scledense ha chiesto all'Ulss 4 di saldare l'ultima rata, per il momento l'azienda sanitaria ha solo sollecitato l'assicurazione a pagare, chiedendo le inevitabili spiegazioni del caso. Della vicenda, però, si occuperà la magistratura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santorso, errore medico ma l'assicurazione non paga

VicenzaToday è in caricamento