rotate-mobile
Cronaca Rosà

Rosà, truffa on line con le carte intestate alle ex

I carabinieri di Rosà hanno difatti denunciato il 39enne torinese O.D. , reo di aver perpetrato una serie di truffe ai danni di cittadini del Bassanese mediante l'utilizzo di un raggiro basato su "Facebook". L'uomo si faceva pagare per oggetti poi mai arrivati

La Stazione carabinieri di Rosà ha messo a segno un altro colpo in contrasto al sempre più diffuso fenomeno delle truffe online. I militari hanno  denunciato il 39enne torinese O.D., reo di aver perpetrato una serie di truffe ai danni di cittadini del Bassanese mediante l’utilizzo di un raggiro basato sulla piattaforma social “Facebook”.

Il denunciato difatti, dopo aver creato un account fake sul social network dal nome “Alex Scarlini”, pubblicizzava una serie di articoli in vendita, fra cui spiccavano riproduzioni di orologi di marca (Rolex ad esempio), a prezzi variabili fra i 100 ed i 200 euro. Il modus operandi accertato dall’Arma di Rosà è il seguente: una serie di contatti e contrattazioni tramite l’applicativo Messenger prima e con Whatsapp poi per concordare appunto il prezzo di vendita; quindi l’invio di coordinate postepay ove veniva richiesta ricarica per l’importo pattuito a titolo di pagamento. Dal momento del pagamento il denunciato si rendeva quindi irreperibile per ogni contatto, facendosi forza sulla falsa identità Facebook e sulla circostanza che né la postepay né il numero di cellulare Whatsapp fossero intestati a lui in prima persona.

I carabinieri di Rosà tuttavia, esaminando le risultanze delle analisi informatiche e telefoniche effettuate a seguito dell’emersione del fenomeno, sono comunque riusciti a bypassare il velo di fraudolento anonimato creato dal denunciato, identificandolo compiutamente. Il denunciato infatti utilizzava carta e cellulare intestate a sue ex compagne. Nelle successive indagini dell’Arma rosatese è emerso anche un ulteriore profilo Facebook artefatto, tale “Marco Furios”, ove applica la stessa tecnica truffaldina.


I militari raccomandano ancora una volta di prestare sempre massima attenzione alle transazioni online, specialmente quando vengono richiesti pagamenti non tutelati da alcuna forma di protezione del consumatore, come la ricarica postepay. E’ opportuno sempre verificare le condizioni contrattuali e scegliere portali di acquisti online affidabili, oltre a completare transazioni che possano essere revocabili in caso di mancata consegna delle merci acquistate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rosà, truffa on line con le carte intestate alle ex

VicenzaToday è in caricamento