rotate-mobile
Cronaca Caldogno

Roberto Baggio preso di mira dagli animalisti per la caccia ai cormorani

Il paese del campone vicentino, Caldogno, è stato tappezzato di manifestini di condanna verso il provvedimento recentemente preso dalla Provincia. Il divin codino è noto anche per la sua passione per la caccia

Blitz di 100% animalisti contro Roberto Baggio per il via libera della Provincia alla caccia ai cormorani. ll paese d'origine del campione, Caldogno, è stato tappezzato di locandine che condannano la sua nota passione per la caccia. 

"Già lo scorso anno la provincia autorizzò una strage di Cormorani, sempre con la solita scusa. Tra i presunti cecchini c’era anche Roberto Baggio, notizia annunciata dai giornalisti locali e mai smentita. Del resto molti italiani non sanno che Roberto Baggio è un noto cacciatore, quindi per l’ex giocatore del Brescia, meglio non farlo sapere troppo in giro, dato che il 90% degli Italiani disprezza profondamente i cacciatori" scrivono in un comunicato. 


"La stagione venatoria è ormai finita ma questi assassini legalizzati devono riscuotere i voti che hanno dato ai politici di turno. Se non sono le nutrie, sono i caprioli, se non sono i cinghiali, sono i cormorani, l’importante è continuare ad uccidere! - continuano - Nell’assurdo, i pescatori, pretendono di salvare la trota marmorata dall’estinzione. Peccato che sono stati proprio loro a decimare i poveri pesci, con il loro squallido “sport” e le loro canne da pesca che grondano di sangue. Per noi non ci sono differenze tra cacciatori e pescatori. Non sono escluse azioni di disturbo in loco contro questi “umani” sempre assetati di sangue Nessun Cormorano dovrà essere abbattuto!" concludono. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto Baggio preso di mira dagli animalisti per la caccia ai cormorani

VicenzaToday è in caricamento