menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Maxi risse con feriti, denunciate 18 persone

L'incredibile pestaggio in due fasi lungo la Riviera Berica per futili motivi. I carabinieri hanno ricostruito la vicenda e identificato i responsabili. I protagonisti della lite hanno un'età che va dai 17 ai 47 anni

Scene di ultra-violenza lungo le strade della Riviera Berica, stile "Arancia Meccanica". Protagonisti due gruppi di persone, dai 17 e 47 anni, tutti della zona compresa tra Nanto e Castegnero, che sono stati individuati e denunciati dai carabinieri dopo due mesi di indagini. Nei guai 18 individui tra italiani e stranieri, alcuni dei quali minorenni, altri con precedenti penali e altri ancora incensurati. 

Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri della centrale operativa di Vicenza, tutto ha inizio lo scorso 3 di ottobre quando cinque amici, verso le 20, vanno a cena in bicicletta a casa di un'amica in via Vegri a Castegnero. Finito di cenare, qualche ora dopo,  il gruppetto torna in bici verso casa, a Nanto e in via Pasubio vengono raggiunti da una Fiat Punto che taglia loro la strada. A quel punto volano minacce e insulti e alla prima auto si affiancano altre tre vetture. I passeggeri scendono e comincia un violento pestaggio. Volano pugni e calci, delle bici finiscono nel fosso e, secondo quanto appurato, 5 persone massacrano di botte un malcapitato. Qualcuno intanto avvisa le forze dell'ordine ma, al loro arrivo, i carabinieri trovano il luogo deserto.

La faccenda non finisce lì. Il giorno dopo, sempre in zona, i facinorosi si danno appuntamento per regolare i conti del pestaggio avvenuto il giorno prima. Questa volta la lite è ancora più furiosa di prima. Le due fazioni se le danno di santa ragione, anche con tubi in gomma, mazze da baseball, tombini in ferro. In due rimangono contusi in maniera anche seria, uno riporta un taglio profondo sul viso e l'altro rimane ferito da una bici che gli viene scagliata addosso.

Escono di nuovo i carabinieri ma i protagonisti della rissa spariscono. Saranno le successive indagini dei militari, attraverso la raccolta di testimonianze, verifiche al pronto soccorso e visione dei filmati delle telecamere della zona, a risalire ai responsabili. Protagonisti delle due maxi risse sarebbero 18 persone, appunto  tutte residenti in zona e di un'età compresa tra i 17 e i 47 anni. Nei dettagli dell'inchiesta risulta anche che una ragazza, presente alla prima lite, sarebbe stata minacciata di morte.

Il folto gruppo finisce nei guai con una denuncia per rissa aggravata in concorso. Una persona risulta anche indagata per favoreggiamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Spv, «il decollo mancato» di una ruspa e il sarcasmo del web

social

Frittelle veneziane: scopri la storia e la ricetta originale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento