Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Contrà Giuseppe Garibaldi, 1

Rissa "da movida", residenti chiedono interventi immediati dal Comune

L'ultimo episodio, documentanto da alcuni filmati diffusi in rete, risale a lunedì. Un residente esasperato dalla situazione racconta: "Dall'Amministrazione comunale della mia città mi aspetterei sicuramente più solerzia nella tutela del diritto al riposo dei propri cittadini"

Il ritorno alla normalità ha riportato a galla vecchi problemi di chi vive in centro storico. Come documentano le immagini di alcuni video che sono stati condivisi in rete, lunedì sera, in piazza delle Poste, si sono verificati episodi di violenza che hanno visto coinvolti dei giovanissimi.

Sul posto sarebbero poi intervenute le forze dell'ordine ma, all'arrivo dei militari, i litiganti si erano già dileguati. Alcuni residenti hanno riferito agli agenti che l'alterco ha visto coinvolti una ventina di persone che sono arrivati presto alle mani.

Episodio simile il giorno successivo quando un residente (che ha contattato la nostra redazione) riferisce come: "la tanto invocata fine del coprifuoco sta dando fin da subito un'immagine alquanto peggiorata della nostra città".

"L'ultimo bar sotto casa mia  ieri (ndr. martedì) - racconta- ha chiuso alle 1,20 e tre telefonate alla Polizia Locale hanno avuto il solo risultato di un paio di passaggi di una pattuglia che nulla a fatto per far abbassare la voce agli astanti. Nemmeno un bonario invito a moderare i toni, come si faceva una volta. Mi è stato detto che oggi avrebbero verificato un eventuale sforamento dell'orario di chiusura dei locali interessati".

"In un tratto di strada che fino a 4 anni fa aveva un solo bar diurno che chiudeva alle 8 - continua - e ora si ritrova con tre bar serali che, a quanto pare, possono fissare a piacimento l'orario di chiusura e senza limiti all'utilizzo notturno dei dehor".

"Dall'Amministrazione comunale della mia città - conclude - mi aspetterei sicuramente più solerzia nella tutela del diritto al riposo dei propri cittadini. Anche perché esiste un "Regolamento di Polizia Urbana e civile convivenza" che si può tranquillamente consultare sul sito del Comune e che stabilisce che dalle 23.30 alle 6 del mattino non ci dovrebbero essere "rumori derivanti da attività o professioni" e direi che, anche se forse opinabile come mi è stato detto ieri notte dall'operatore della Polizia Urbana, avere sotto casa gente probabilmente alticcia che chiacchiera e ride ad alta voce, comodamente seduta al tavolino di un bar di martedì all'una di notte può essere considerato come rumore da attività professionale".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa "da movida", residenti chiedono interventi immediati dal Comune

VicenzaToday è in caricamento