rotate-mobile
Cronaca

Antiriciclaggio: contestate a tre notai vicentini operazioni per 10 milioni

Nel corso di un'ispezione antiriciclaggio condotta dalle Fiamme gialle nei confronti di un notaio, sono state elevate contestazioni per omessa segnalazione di operazioni sospette per 8,7 milioni di euro

Non avevano segnalato operazioni finanziarie sospette di riciclaggio per circa 10 milioni di euro. E' il frutto di un'operazione del Nucleo di Polizia Tributaria di Vicenza che continua nel contrasto del riciclaggio di denaro. Dopo avere contestato, lo scorso anno, l'omessa segnalazione di operazioni finanziarie sospette per oltre 37 milioni di euro da parte di cinque primari istituti di credito e di societa' fiduciarie, spiega una nota delle fiamme gialle, l'attenzione dei finanzieri si e' estesa ai professionisti notai, quali soggetti obbligati al rispetto degli obblighi antiriciclaggio imposti dal legislatore nazionale. MULTE MILIONARIE ALLE BANCHE

In particolare, nel corso di un'ispezione antiriciclaggio condotta nei confronti di un notaio del capoluogo berico, sono state elevate contestazioni per omessa segnalazione di operazioni sospette per 8,7 milioni di euro, in relazione ad una serie di atti di segregazione patrimoniale, quali la costituzione di trusts e fondi patrimoniali, riferibili a tre distinti clienti, risultati coinvolti in indagini condotte dall'Autorita' Giudiziaria perche' responsabili, a vario titolo, dei reati di bancarotta fraudolenta e frode fiscale.


Nei confronti di altri due notai, e' stata contestata l'omessa segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio per complessivi 650.000 euro: in tal caso, i professionisti sono stati chiamati a rogare atti societari relativi a quattro societa' vicentine, solo formalmente intestate a persone, residenti in aree geograficamente distanti (provincia di Napoli), prive di qualsivoglia capacita' imprenditoriale oltre che di sufficienti disponibilita' finanziarie e patrimoniali, idonee a fugare possibili sospetti circa la possibile provenienza delittuosa del denaro. Le violazioni contestate prevedono l'irrogazione di una sanzione amministrativa che puo' raggiungere, nel massimo, la somma di 3,8 milioni di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antiriciclaggio: contestate a tre notai vicentini operazioni per 10 milioni

VicenzaToday è in caricamento