rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Cronaca Arzignano

«Ti spacco la bottiglia in testa»: rapina un minorenne per pagarsi la pizza

L'episodio è avvenuto nella serata di venerdì. Il rapinatore è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri e dalla polizia locale

Minaccia e rapina un minorenne per pagarsi la pizza. L'episodio è avvenuto nella tarda serata di venerdì ad Arzignano. L'allarme è stato lanciato dalla proprietaria della pizzeria d'asporto "Sandy" di via Lovato, nel centro storico della città del Grifo. Le pattuglie dei carabinieri e dei vigili urbani, hanno raggiunto il locale raccogliendo le testimonianze sia della vittima che dei testimoni del fatto. 

Verso le 22.30 un extracomunitario è entrato nel locale per ordinare una pizza e della birra. La commessa ha chiesto all'uomo il pagamento dell'ordine, ricevendo la promessa cha a breve sarebbe "giunto un amico per pagare il dovuto". L’ordine non è stato evaso e il cliente invitato a ritornare con il denaro necessario. Il cittadino africano, invece di andarsene, ha atteso per qualche decina di minuti, entrando ed uscendo dal locale, e approfittando della distrazione della cameriera, ha preso alcune birre da un frigorifero.

Mentre l’uomo stazionava tra i locali e il marciapiede antistante l’ingresso, alla pizzeria è giunto  un 15enne, M.S. residente ad Arzignano il quale, dopo aver fatto il suo ordine ha estratto il portafoglio per pagare il dovuto. In questa circostanza lo straniero ha notato che il ragazzo possedeva altro denaro, per cui si è avvicinato e lo ha invitato a seguirlo fuori dal locale “perché doveva parlargli”.

L’adolescente ingenuamente ha seguito l’uomo il quale, appena usciti dall’esercizio pubblico, ha estratto dalla tasca della felpa una bottiglia di birra, minacciando  di spaccarla in testa al ragazzo se non gli avesse consegnato tutto il denaro che aveva nel portafoglio. Intimorito, il 15enne gli ha dato i 10 euro che aveva in tasca, utilizzati immediatamente dal rapinatore per acquistare una pizza e allontanarsi.

Non appena il rapinatore ha lasciato il locale, la vittima ha informato dell’accaduto il personale della pizzeria e sono state chiamate le forze dell’ordine. Ricostruita la vicenda, carabinieri e polizia locale si sono messi alla ricerca dello straniero, individuandolo poco distante, sempre in centro storico. Dopo averlo identificato, i carabinieri hanno arrestato Abdoul Fatao Bara, nato in Burkina Faso, classe 1997, in Italia senza fissa dimora, pregiudicato e clandestino. Gli accertamenti successivi hanno permesso di documentare, oltre alla rapina, anche il furto delle birre e la ricettazione di un Iphone, rinvenuto nello zaino dell’arrestato e risultato rubato ad una ragazzina in centro nella stessa serata. Bara veniva quindi  rinchiuso in cella, in attesa del processo con rito direttissimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ti spacco la bottiglia in testa»: rapina un minorenne per pagarsi la pizza

VicenzaToday è in caricamento