rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca San Lazzaro / Viale San Lazzaro

Aggressioni e furti, il questore chiude il bar per la quarta volta

Emessi anche due fogli di via obbligatori ai protagonisti di una furiosa rissa

E con questa sono quattro. Nella giornata di lunedì il questore ha disposto in via d’urgenza la sospensione della licenza e l’immediata chiusura del bar Oasi a Vicenza, in viale San Lazzaro. Il provvedimento, che avrà una durata di 40 giorni, è conseguente alle reiterate problematiche di ordine e sicurezza pubblica che si sono venute a creare negli ultimi tempi. Il locale è infatti da tempo conosciuto come un covo di pregiudicati con precedenti di varia natura e gravità, in particolare per traffico e spaccio di stupefacenti, nonché teatro di violente risse e di furti ai danni di avventori. Molti gli interventi della polizia negli ultimi mesi, interventi che hanno portato all'identificazione di numerosi pregiudicati per reati vari ma soprattutto per traffico di droga. La licenza del bar era già stata sospesa nel gennaio del 2021, nel giugno del 2022 e lo scorso 11 maggio. La polizia ritiene che il pubblico esercizio non abbia modificato la propria propensione a rappresentare un punto di riferimento, un vero e proprio ricettacolo di spacciatori che hanno individuato questo locale quale luogo ottimale per porre in essere le proprie attività criminali e per creare e gestire i contatti tra di loro e con i clienti tossicodipendenti, divenuti spacciatori al dettaglio per poter acquistare a loro volta la droga.    

Nel corso di alcuni di questi interventi effettuati dalle forze di polizia gli avventori del bar Oasi  avevano dato corso a violente aggressioni, più volte oggetto di lamentele da parte di cittadini abitanti nella zona, esasperati dalla situazione di degrado e di disturbo della quiete pubblica che la clientela del locale aveva generato. Il titolare e i dipendenti erano stati per questo adeguatamente redarguiti da polizia e carabinieri in merito alle conseguenze per il locale in caso di somministrazione di bevande alcoliche a chi già manifesta segni di averne abusato. L'ultimo episodio si è verificato nella serata di venerdì 28 luglio alle ore 21 circa. 

Le pattuglie sono dovute intervenire in forze in quanto, all’interno del locale, ancora una volta si era consumato un episodio di reciproca, violenta aggressione tra alcuni cittadini stranieri, tutti palesemente ubriachi. Uno di costoro – un 47enne di origine romena – si è presentato agli agenti con il volto tumefatto e sanguinante, riferendo di essere era stato ripetutamente, violentemente colpito in varie parti del corpo da un 25enne egiziano residente a Milano, ancora presente nel locale. Un altro cittadino romeno è rimasto anch’egli ferito, seppur in modo meno grave. Nonostante ciò, per paura di ulteriori conseguenze, i soggetti hanno rifiutato categoricamente l’ausilio dei sanitari del “118”.

Da qui l’odierna decisione del questore, il quale ha disposto la sospensione della licenza e l’immediata chiusura del bar. Per la partecipazione alla rissa, il questore ha altresì emesso 2 fogli di via - con divieto di far rientro a Vicenza per i prossimi 3 anni - nei confronti del 25 egiziano e del 47enne romeno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressioni e furti, il questore chiude il bar per la quarta volta

VicenzaToday è in caricamento