rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Profughi, scaricabarile tra Comuni: 18 "grandi" a porte chiuse

Mentre ci sono piccoli Comuni che hanno visto arrivare richiedenti asilo pari quasi a un decimo della popolazione, Tonezza del Cimone su tutti, ce ne sono 18 sopra i 5mila abitanti che non hanno accolto nessuno, in primis Arzignano

E' destinato ad aumentare il numero di richiedenti asilo destinati alla provincia di Vicenza ed è sempre più emergenza posti. L'appello del prefetto Eugenio Soldà ai sindaci, che ogni Comune dia la disponibilità ad accettare dai 4 agli 8 migranti, è caduto nel vuoto ma c'è la lista dei "buoni" e dei "cattivi". 

Su 121 Comuni, ben 70 non hanno accolto alcun richiedente e 18 di questi hanno oltre 5mila abitanti, tra cui Arzignano (25mila), Romano d'Ezzelino, Rosà, (14mila) e Noventa (11mila). La strategia, necessaria, di utilizzare gli alberghi in disuso, ha portato a una densità straordinaria in piccoli Comuni a vocazione turistica, come Tonezza del Cimone (poco più di 500 abitanti), dove infatti si sono verificate tensioni. Il "blitz" di Caldogno e la massiccia presenza che si registra a Sandrigo hanno rinfocolato ulteriormente le proteste dei sindaci e dei cittadini ma la gestione del flusso degli arrivi non sembra trovare una soluzione stabile, che consenta di uscire dalla perenne emergenza.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi, scaricabarile tra Comuni: 18 "grandi" a porte chiuse

VicenzaToday è in caricamento