rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca

Presidio mamme no Pfas in tribunale: "Subito sequestro Miteni"

Tribunale "occupato" per cinque giorni dai comitati che chiedono un'azione decisa da parte della procura. Nel frattempo impianti chiusi nell'azienda di Trissino e inchiesta in via di chiusura

Tende da campeggio e cartelli ovunque all'entrata del Tribunale di Vicenza in parte "cantierata" per lavori in corso. A presidiare il palazzo di giustizia berico sono i comitati delle "Mamme non Pfas" che da venerdì a martedì distribuiranno informazioni e raccoglieranno firme per sollecitare la procura di Vicenza a prendere un provvedimento definitivo sulla Miteni di Trissino, assieme ad altre richieste comunicate in una nota.

"Un'azione forte per dire alla magistratura e a tutti gli enti preposti che noi vogliamo delle risposte da questi accertamenti: o questa fabbrica si chiude oppure ci dicono come devono andare avanti", spiega Anna Maria da Lonigo, una delle manifestanti. 

Il sequestro dell'azienda considerata responsabile dell'inquinamento viene chiesto a gran voce ai pubblici ministeri che conducono l'inchiesta sui Pfas, ovvero Barbara De Munari e Hans Roderich Blattner i quali dovrebbero chiudere il fascicolo a breve, forse prima della fine dell'estate.

Agosto è anche l'ultimo mese in cui gli impianti della Miteni resteranno chiusi, come comunicato da una nota ufficiale della Provincia che ha bloccato l'impianti da luglio in attesa di "ulteriori provvedimenti".

Mamme No Pfas: presidio davanti al tribunale

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio mamme no Pfas in tribunale: "Subito sequestro Miteni"

VicenzaToday è in caricamento