Posina, il Pasubio vietato agli alpini

Trasferito all'Ossario il tradizionale pellegrinaggio di settembre delle penne nere. Giudicato troppo problematico il passaggio degli alpini sugli Scarubbi

Nel centesimo anniversario della Grande Guerra, il Pasubio torna un monte da riconquistare per gli alpini

Il tradizionale pellegrinaggio delle penne nere di settembre sul monte cambia meta dopo mezzo lustro, a causa delle difficoltà tecniche per il trasporto. Il sindaco di Posina concede il permesso di transito ei veicoli sulla cima solo in caso di meteo favorevole, un incertezza troppo grande per un evento che coinvolge centinaia, talvolta migliaia, di persone. 

Come riportato da il Giornale di Vicenza, il prossimo 5 settembre, la cerimonia, dunque, verrà spostata dalla chiesetta di Santa Maria sulla “selletta Comando”, a quota 2070, in favore dell Ossario di Valli del Pasubio, più facilmente accessibile.

La decisione presa Dall'ANA di Vicenza è figlia delle difficoltà riscontrate proprio a causa del meteo avverso l'anno scorso, quando il Comune di Posina revocò 150 permessi per gli Scarubbi a neanche 24 ore dall´inizio dell´evento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento