Pomeriggio in grotta: il "Buso della rana"

Si tratta di una delle poche grotte inserite nell'elenco dei Siti d’Interesse Comunitario della rete Natura 2000. Il "buso" è conosciuto e abitato fin dalla preistoria, ma la sua esplorazione e il suo studio restano ancora un dei misteri più grandi del vicentino

L'apparato carsico delle grotte del Buso della Rana e Buso della Pisatela, a Monte di Malo, è uno dei più conosciuti a livello nazionale e si busodellaranathumb-2sviluppa per una quarantina di chilometri di gallerie finora esplorate. Il Buso della Rana è noto per essere esplorabile, almeno nella prima parte vicino all'ingresso, anche da persone non esperte di speleologia, purché con adeguate attrezzature e accompagnate da guida esperta. Un primo tratto relativamente 'turistico', molto adatto e frequentato dai corsi speleo. Il resto è riservato a speleologi particolarmente esperti e, dato il regime idrico particolare con frequenti e veloci allagamenti dei condotti attivi, richiede esperienza e conoscenza essendo particolarmente insidioso. Da normali turisti possiamo visitare il grandioso portone d'ingresso, molto suggestivo. L'ingresso della grotta è abbracciato da un bel parco didattico (privato) sul sedime di una vecchia cava dismessa.

La sua storia

P10105471-372x279-2La grotta è conosciuta fin dall’antichità e sicuramente frequentata dalle popolazioni preistoriche, come testimoniato dal ritrovamento di reperti archeologici nella vicina Cava Maddalena di Sopra e nei pressi dell’ingresso (dove ore si trova il parco dell’Incantamonte). Tali reperti risalgono al tardo Neolitico (5000 anni fa) ed all’Età del Bronzo (3000 anni fa) e sono conservati al Museo del Priaboniano a Priabona. Il nome della grotta non ha nulla a che fare con il simpatico anfibio, ma deriva dalla parola cimbra “roan” che significa “parete rocciosa”; quindi “buso della parete rocciosa”, “buso dea roan” che si è trasformato in “buso della rana”. I Cimbri sono una popolazione di origine germanica che tra i secoli X e XII scesero a colonizzare buona parte dei territori montuosi veneti e che s’insediarono pure da queste parti. Su questa grotta, come nelle consorelle della zona, è fiorita la leggenda delle Anguane, che, sotto l’aspetto di vaghe donzelle uscivano di notte dai meandri sotterranei del monte, attraendo con arti maliarde i giovani dei paesi vicini che incuriositi si avvicinavano all’ingresso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(testi e inforazioni da magicoveneto.it e busodellarana.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Le norme per viaggiare in auto ancora in vigore: multe e numero di passeggeri

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento