menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perde soldi e diffama presunto promotore finanziario su internet

L'uomo, un 50enne, avrebbe perso qualche decina di migliaia di euro. Ma ha anche scoperto che la persona di cui si fidava non sarebbe più iscritta all'albo dei consulenti in investimenti

«Tessere la tela così come il ragno la sua...è un essere disgustoso, spregevole». E' questo il tono di una serie di commenti non troppo lusinghieri pubblicati sulla pagina Linkedin da una società di Vicenza specializzata in investimenti finanziari, che sono costati a R.B., 50enne residente a Paese in provincia di Treviso, una denuncia per diffamazione a mezzo internet.

La storia, come scrive Trevisotoday.it risale al febbraio del 2018. Secondo le indagini il 50enne aveva sottoscritto con il titolare della società un contratto per la gestione dei soldi. Un investimento che però, pare, non è andato a buon fine. E R.B., alla fine, ci avrebbe rimesso qualche decina di migliaia di euro. A nulla sono valse le giustificazioni del promotore finanziario tanto che l'uomo ha fatto delle proprie ricerche. Alla fine la sorpresa: il  50enne risale al fatto che l'uomo di cui si era fidato e a cui aveva affidato il suo denaro non era un promotore finanziario. O meglio non lo è è più, essendo stato cancellato dal relativo albo.

La rabbia per l'investimento svanito deve essere montata a livelli stratosferici se, come è vero, R.B. le ha provate tutte per gettare discredito sull'uomo che gli aveva mandato in fumo l'operazione finanziaria. E allora ha pensato che il metodo migliore per fargliela pagare fosse quello di attaccarlo sui profili social. Come ogni società seria che si rispetti anche la società ha infatti una propria pagina Linkedin, il network a livello professionale dove più che farsi la pubblicità gli iscritti tendono a stabilire una rete di connessioni che possono poi risultare utili sotto il profilo lavorativo. Ma il messaggio lasciato dal 50enne di Paese era esplicito.

«Anche certi consulenti hanno creato problemi insormontabili alle imprese» scrive e poi, facendo riferimento al contenuto della pagina, aggiunge: «Tessere è un termine che si addice veramente, molto appropriato e adeguato....con le parole si può intrappolare l'interlocutore come fa il ragno con un morso». Abbastanza per attendersi la veemente reazione del presunto promotore finanziario ma non pago R.B. aggiunge: «Per chi avesse bisogno di informazioni non esitate a contattarmi. Sono a disposizione perché non succeda a qualche altra preda di cadere nella tela». Chiudendo con un eloquente «condividete, grazie». Inutile dire che la l'azienda vicentina non l'ha resa benissimo. Il suo amministratore, residente a Isola Vicentina, è corso da un avvocato e questi si è fiondato alla Procura di Treviso, dove è stata presentata la denuncia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Spv, «il decollo mancato» di una ruspa e il sarcasmo del web

Attualità

Coronavirus, il Veneto resta zona arancione

social

Frittelle veneziane: scopri la storia e la ricetta originale

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Coronavirus, il Veneto resta zona arancione

  • Attualità

    Arpav, bufera sul commissario straordinario

  • Attualità

    Coronavirus, numeri ancora in calo ma ancora troppi decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento