rotate-mobile
Cronaca Bassano del Grappa

Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza: denunciati 140 rumeni

Provocato un danno allo Stato pari a 460mila euro

L’indagine condotta dai carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Vicenza e della Sezione operativa della compagnia carabinieri di Bassano Del Grappa è partita la scorsa estate.

Tutto ha inizio da due due fatti accaduti negli uffici postali di Bassano del Grappa e Rosà, dove si erano presentati diversi cittadini rumeni per prelevare la somma mensile del reddito di cittadinanza erogata dall’INPS, esibendo come documenti identificativi la carta di identità rumena ed una attribuzione del codice fiscale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. I direttori degli uffici postali, insospettiti dalla mancanza di documenti italiani, avevano provveduto ad allertare immediatamente i carabinieri delle stazioni competenti per territorio, i quali, una volta intervenuti sul posto, avevano identificato queste persone, allertando successivamente i carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Vicenza per avviare le verifiche sulla corretta percezione del Reddito di Cittadinanza.

Le verifiche permettevano di appurare che tutte le persone identificate avevano presentato la domanda per percepire il beneficio indicando, quale residenza, uno stesso civico di Torino. Gli ulteriori accertamenti effettuati dal Nucleo carabinieri Ispettorato Lavoro di Vicenza con i colleghi della sezione operativa della Compagnia di Bassano del Grappa hanno portato alla scoperta che tale residenza risultava essere solo un indirizzo virtuale, predisposto dal Comune di Torino per i richiedenti asilo. Ecco che i militari, attraverso l’analisi delle banche dati INPS, hanno ottenuto l’elenco dei cittadini che avevano presentato documenti analoghi inserendo il predetto indirizzo.

Gli ulteriori controlli incrociati su banche dati Inps e Ispettorato Nazionale del Lavoro hanno consentito di accertare che tutti i nominativi forniti dall’Inps, oltre ad avere autocertificato il falso dichiarando una residenza fittizia, non erano mai stati residenti sul territorio nazionale e non avevano mai svolto attività lavorativa in Italia. Anche la documentazione relativa all’Isee presentata dagli indagati, documento essenziale per la quantificazione del Reddito di Cittadinanza, è risultata falsificata mediante autocertificazione.

I 140 cittadini di nazionalità rumena sono stati pertanto denunciati per aver reso o utilizzato documenti falsi o attestanti cose non vere al fine di assicurarsi il reddito di cittadinanza, ottenendo così  indebitamente il beneficio, cagionando un danno all’erario di oltre 460.000 euro. 

Tutte le carte di credito rilasciate per il prelievo mensile del beneficio sono state immediatamente bloccate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza: denunciati 140 rumeni

VicenzaToday è in caricamento