Ordigni bellici inesplosi, l'appello dei carabinieri: "Sono estremamente pericolosi"

I militari dell'Arma hanno voluto rivolgersi all'intera comunità invitando i cittadini ad assumere un comportamento responsabile di fronte al rinvenimento di tali materiali

Quanto accaduto nei giorni scorsi a Thiene, dove un uomo è stato denunciato in stato di arresto dall’Arma locale per la detenzione di materiale bellico risalente al secondo conflitto mondiale, ultimo, in ordine cronologico, di una serie di fatti analoghi riscontrati in provincia negli ultimi anni, ha portato i carabinieri a lanciare un appello alla collettività al fine di richiamare l’attenzione sull’estrema pericolosità di simili condotte.

"Gli ordigni inesplosi di vario genere – proietti di artiglieria, mortaio, bombe a mano – che sovente vengono rinvenuti in montagna o nei boschi della provincia costituiscono, infatti, elemento di estremo pericolo, poiché il mancato “funzionamento” all’atto del loro utilizzo originario non li rende affatto inerti - spiegano i militari - Al contrario, la loro instabilità li rende molto pericolosi e non è affatto secondaria l’ipotesi che, dopo anni di “inerzia” possano esplodere alla minima sollecitazione".

L’appello dell’Arma quindi è molto semplice: "Laddove si rinvenga un oggetto, un residuato bellico, che possa avere le sembianze di un ordigno o venga riconosciuto come tale, non deve essere toccato in alcun modo, nemmeno con l’utilizzo di altri strumenti come ad esempio un bastone. Men che meno quindi si dovrà cercare di recuperarlo, rimuovendolo dalla collocazione originaria e trasportandolo con propri mezzi".

"L’invito è invece quello di informare tempestivamente dell’avvenuto rinvenimento il 112, ovvero la stazione carabinieri o altro presidio di polizia più vicino - sottolineano - avendo cura di individuare con precisione il punto in cui è stato rinvenuto il possibile ordigno, affinché si possa procedere successivamente, a cura del personale specializzato, alla sua rimozione in totale sicurezza".

"È appena il caso di sottolineare l’estrema pericolosità della condotta di coloro che invece si appropriano di simili oggetti - concludono - portandoli con sé e tenendoli poi magari in casa o in garage, mettendo così a repentaglio l’incolumità propria e di chi gli è vicino. Al riguardo, è utile rammentare che la detenzione di armi da guerra o parti di esse, tra cui il relativo munizionamento, costituisce violazione penale, punita con la reclusione".   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La proposta di Sergio Berlato: «Chi interrompe caccia e pesca andrebbe trattato da terrorista»

  • Coronavirus: il cibo per rafforzare il sistema immunitario

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Coronavirus, Zaia: "Curva in aumento ma c'è un nuovo soggetto Covid: asintomatico"

  • Obbligo di pneumatici invernali o catene: quando, dove, l'importo delle multe

  • Lutto nel mondo dell'imprenditoria vicentina, ci ha lasciato una delle sorelle Ramonda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento