rotate-mobile
Cronaca

"Frocio": sedicenne vittima di una banda di bulli, tra cui una ragazza

L'odissea vissuta da un giovane vicentino, vittima degli "scherzi" pesanti di alcuni compagni di classe: non usciva più di casa. Convocati dai carabinieri, hanno ricevuto una ramazina

A pochi mesi dal Vicenza Pride, incrscioso episodio di omofobia nella nostra provincia. Lo hanno preso di mira per i suoi atteggiamenti, ritenendolo un omosessuale, al punto da non farlo più uscire di casa per la vergogna.

E' l'odissea, condita di battute e scherzi pesanti, subita da uno studente vicentino di 16 anni, i cui genitori si sono alla fine rivolti ai Carabinieri: i cinque compagni di scuola - quattro maschi e una femmina - sono stati convocati e convinti a desistere dalla persecuzione. Dalla fine dell'anno scolastico al settembre scorso, come riporta il Giovane di Vicenza, il ragazzo, un sedicenne che vive in una località della provincia berica, era diventato il bersaglio dei compagni per il suo modo di vestire eccentrico e i gusti considerati troppo femminili.

Lo studente è stato prima chiuso nel bagno delle ragazze, poi gli sono state infilate delle riviste gay nello zaino e infine il suo numero di cellulare è stato apposto alle fermate dell'autobus con profferte omosessuali esplicite. I militare, dopo la denuncia dei genitori, hanno deciso di convocare in caserma i cinque, convincendoli a desistere dalle vessazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Frocio": sedicenne vittima di una banda di bulli, tra cui una ragazza

VicenzaToday è in caricamento