menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Facebook

Foto da Facebook

"La scintilla della tragedia è stata la morte della tartaruga"

Mentre la scientifica è ancora alla villetta dove si è consumato l'omicidio-suicidio di Joel Bradley Kinser, 44 anni, e Leila Gakhirovan Kinser, 40, cominciano a emergere dettagli sulla vita della coppia

"Erano innamoratissimi, si scambiavano decine di teneri messaggi al giorno. Lui non stava bene e lei gli era sempre accanto, assieme alla loro tartaruga Mashka, che si portavano ovunque. Per loro era come una figlia. Sicuramente la morte dell'animale ha distrutto Leila. Potrebbe aver chiesto a Joel di farla finita".

E' questa l'agghiacciante testimonianza di un'amica di Joel Bradley Kinser, 44 anni, e Leila Gakhirovan Kinser, 40 anni, trovati morti lunedì nella loro villetta in via Nicoletti a Pozzoleone. Talmente assurdo da poter essere vero: lui da tempo in preda al male oscuro, lei che cercava di coprirlo d'amore con tutta la forza che aveva. Finchè non ce l'ha fatta più neanche la piccola dolce Leila. 

Orrore nella villetta

Dramma a Pozzoleone: le foto

Il resto è nei verbali delle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Claudia Bonino che ha fissato per venerdì l'autopsia sul corpo della donna: secondo quanto emerso dai rilievi, in corso anche martedì, la coppia avrebbe deciso di farla finita domenica di Pasqua; Joel avrebbe prima soffocato la moglie e poi sarebbe andato in bagno per togliersi la vita con un coltello. A causa della sua malattia, infatti, era stato congedato e non poteva possedere armi. 

I soccorsi sono stati chiamati lunedì, quando padre David, che seguiva la coppia, ha intuito che dietro quei telefoni che squillavano a vuoto poteva esserci il peggiore dei drammi. Ed era così. Sulla porta della camera dal letto Joel ha lasciato un messaggio inequivocabile scritto col proprio sangue: "I'm sorry".

I vicini li descrivono come una coppia tranquilla, silenziosa e cortese, che faceva vita molto riservata, come la maggior parte delle famiglie americane residenti nella nostra provincia. 

La testimonianza del barista 

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento