menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non risponde alle telefonate, Andrea Faccin trovato morto nel letto

Tragedia nel pomeriggio di venerdì nel sestiere di San Marco. Un 32enne originario del Vicentino, Andrea Faccin, è deceduto per cause al vagliodella magistratura. Lavorava per un noto hotel

Purtroppo il presentimento che fosse successo qualcosa di grave è stato confermato nel momento in cui la fidanzata l'ha trovato ancora a letto. Privo di vita. Tragedia venerdì pomeriggio in pieno centro storico a Venezia, dove Andrea Faccin, 32 anni a ottobre, è morto, con ogni probabilità nella notte, mentre si trovava in un alloggio di calle dei Fuseri. Il giovane, originario di Vicenza, lavorava per l'hotel Ca' Sagredo di campo Santa Sofia. Struttura raggiungibile a una decina di minuti a piedi da dove aveva passato la notte. Sul posto si sono portati subito i sanitari del 118, ma era chiaro fin da subito che ci si trovava davanti a un decesso. A quel punto sono intervenute le volanti lagunari della questura, oltre che la polizia scientifica. Serviva assicurarsi che nessuno si fosse introdotto nell'abitazione nelle ore precedenti.

Come detto, a trovare il corpo del 32enne sarebbe stata la fidanzata. Preoccupata per il fatto di non riuscire a contattare il compagno da 24 ore, ha deciso di raggiungere il capoluogo lagunare in compagnia di un amico che possiede le chiavi dell'alloggio. Una volta giunti all'appartamento, hanno aperto la porta e si sono trovati davanti agli occhi una scena cui mai nessuno vorrebbe assistere. A un primo esame esterno della salma, le forze dell'ordine non hanno trovato alcun segno di violenza. Nulla da indurre a ipotizzare che la morte sia stata causata da altre persone. 

L'ipotesi più accreditata allo stato è che si sia trattato di un decesso per cause naturali. La salma sarebbe ancora a disposizione dell'autorità giudiziaria, dunque è possibile che il magistrato disponga ulteriori accertamenti per far luce sulle motivazioni che hanno portato al decesso del giovane. La rimozione della salma poco prima delle 19. La notizia dell'accaduto si è sparsa velocemente nel sestiere di San Marco, dove residenti e turisti hanno assistito all'arrivo della polizia prima e della scientifica poi, chiedendosi cosa fosse accaduto.


da www.veneziatoday.it
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Tutte le informazioni sul Superbonus 110% infissi e finestre

Ristrutturare

Ristrutturare risparmiando il 90%: come ottenere il bonus facciata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento