menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vicenza si sveglia con la neve: pesanti disagi alla circolazione in città e provincia

Mezzi spargisale in azione già dalla notte di domenica ma la rete viaria in città, e prima periferia, è in affanno. Alberi caduti e strade bloccate nel Bassanese e Altovicentino

AGGIORNAMENTO ORE 16

La nevicata che lunedì mattina ha imbiancato la città è cessata poco dopo le 12, trasformandosi in pioggia abbondante. Secondo quanto previsto dal piano neve del Comune di Vicenza, scattato alle 3 di questa mattina, prosegue il servizio di salatura e pulizia di strade, marciapiedi e zone sensibili della città.

"Sono attualmente operativi tutti i 25 mezzi spargisale di Amcps – fa sapere l'assessore alla protezione civile Mattia Ierardi – che eseguiranno un'ulteriore attività di salatura verso sera per evitare che stanotte, con il calare delle temperature, si formino lastre di ghiaccio. Prosegue anche il lavoro di spargimento manuale del sale, svolto da Aim Ambiente lungo i marciapiedi".

Fino ad ora sono stati sparsi complessivamente quasi 2 mila quintali di sale dai mezzi di Amcps che hanno percorso circa 2 mila chilometri.

"Abbiamo costantemente monitorato la situazione – aggiunge l'assessore Ierardi – con il piano neve che è partito come da previsioni. Si sono però verificate alcune condizioni eccezionali che hanno visto un minor passaggio di auto sulle strade legato al lockdown e alle festività. Ciò ha fatto si che il sale sparso sulla strada non si frantumasse, vanificando la capacità di sciogliere il ghiaccio".

Per quanto riguarda le strade, dopo alcune situazioni rilevate questa mattina dalla polizia locale a causa dell'abbondanza della neve caduta che ha provocato rallentamenti, la viabilità si è man mano normalizzata.

I controlli si sono dapprima concentrati nelle strade che portano all'ospedale ed alla zona fiera dove molte persone si sono recate per eseguire i tamponi, per poi proseguire sulle strade della circonvallazione esterna e poi interna. I mezzi spazzaneve di Amcps, anche con scorta della polizia locale, sono stati ripetutamente impiegati in viale Dieci Giugno dove la neve era particolarmente abbondante.

In via Maganza, dopo che Amcps ha constatato la pericolosità dei rami di cinque pini marittimi, gli agenti hanno chiuso al transito la strada. Nel pomeriggio sarà mantenuto il senso unico alternato nella via finché saranno messi in sicurezza i pini.

Chiuso al transito anche la corsia di sinistra di viale Trissino, dal cavalcavia fino a via Spalato, dove era stata riscontrata la presenza di rami caduti a terra a causa della neve. Chiuso precauzionalmente anche viale Fusinato.

Altre criticità si sono verificate a causa dei carichi di neve sulle piante. Per recuperare i rami a terra, è stata attivata la protezione civile comunale.

In piazza Castello alcune luminarie sono cadute a causa della bufera di neve ma già nella tarda mattinata le ditte incaricate sono intervenute per controllare le situazioni più critiche e per metterle in sicurezza.

A causa della presenza di cumuli nevosi sui rami del giardino di Villa Tacchi, che potrebbero cadere a terra, l'area verde è stata chiusa. Resta consentito solo l'ingresso alla Biblioteca e agli uffici.

Parallela azione di chiusura dei parchi storici recintati è stata comunicata ai custodi di Parco Querini e Giardino Salvi. Ulteriori verifiche verranno fatte anche nella giornata di domani. Il Parco di Villa Guiccioli è chiuso al pubblico, come da chiusura settimanale.

AGGIORNAMENTO ORE 8

Durante la notte di domenica è iniziata a scendere la neve in città, come annunciato. Il piano neve comunale è stato attivato dalle 3 con la salatura preventiva dei punti sensibili.

I 9 mezzi attualmente in servizio proseguono con la loro attività di salatura e pulizia delle strade.

Ci potranno essere accumuli tra gli 8 e i 15 centimetri, come previsto dal bollettino Arpav regionale che segnala una fase di nevicata intensa nella prima parte di lunedì 28 dicembre.

Dalle 5 è attivo anche il numero di telefono dedicato all'emergenza neve: 0444955660. Il servizio di Protezione civile comunale sta monitorando l'evolversi del fenomeno. Eventuali nuove informazioni saranno disponibili sul sito e sui social istituzionali.

Pesante anche la situazione in provincia con alberi caduti e strade bloccate. Sull'Altopiano di Asiago sono scesi tra i 30 e i 40 cm di neve e data l'impraticabilità di alcune strade è stata inibita la circolazione in alcuni tratti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Veneto resta zona arancione

social

Frittelle veneziane: scopri la storia e la ricetta originale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento