Cronaca Asiago

Addio al maestro Ermanno Olmi: lutto nel mondo del cinema

Il grande regista, bergamasco di nascita ma asiaghese di adozione si è spento questa notte all'età di 87 anni

Ci ha lasciato Ermanno Olmi, il grande regista bergamasco che da tempo aveva trovato la sua dimora sull'Altopiano. Questa notte il maestro è morto all'ospedale di Asiago dopo la lotta contro una grave malattia che è peggiorata nella serata di venerdì con il ricovero d'urgenza. Lascia la moglie Loredana, i figli Fabio e Andrea e la figlia Elisabetta. Il suo desiderio era quello di passare le sue ultime ore nella sua abitazione asiaghese di contrada Val Giardini, volontà che i famigliari non hanno potuto esaudire per il sopraggiungere della morte.

Il debutto di Olmi sul grande schermo avviene nel 1959 con il lungometraggio "Il tempo si è fermato" e nel corso della sua carriera gira più di 20 film, alcuni dei quali ambientati sull'Altopiano di Asiago, compreso l'ultimo "Torneranno i prati" ambientato sulle trincee della prima guerra mondiale. Nel 1977 arriva il suo capolavoro assoluto, L'albero degli zoccoli (1978), che si aggiudica la Palma d'oro al Festival di Cannes e il Premio César per il miglior film straniero. Nello stesso anno si trasferisce da Milano ad Asiago e nel 1982 a Bassano del Grappa fonda la scuola di cinema Ipotesi Cinema. Nel 2008 riceve il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al maestro Ermanno Olmi: lutto nel mondo del cinema

VicenzaToday è in caricamento