Fuga di gas, condominio evacuato e bombole sequestrate

L'intervento della polizia locale e dei pompieri è scattato dopo la segnalazione del forte odore di gas in tutto il palazzo. Venticinque persone hanno dovuto lasciare le loro abitazioni

È di cinque bombole sequestrate, perché conservate in modo irregolare, il bilancio dei controlli eseguiti in seguito ad una segnalazione di una perdita di gas dalla Polizia Locale dei Castelli in un condominio in via dei Carpani 15 a Montecchio Maggiore.

Erano le 10,30 di mercoledì quando al Comando di Piazza San Paolo è giunta la chiamata di un residente che parlava di un forte odore di gas nell’aria. Sul posto si sono precipitati le pattuglie della Polizia Locale, i Carabinieri della Tenenza di Montecchio Maggiore e i Vigili del Fuoco del distaccamento di Arzignano, coadiuvati da un Vigile del Fuoco agente di polizia giudiziaria del Comando provinciale di Vicenza.

Le 25 persone che si trovavano nel condominio sono state immediatamente evacuate, mentre scattavano le verifiche da parte dei tecnici della società di distribuzione del gas alla ricerca della perdita, individuata con buona probabilità nel cattivo funzionamento di una bombola.

Gli agenti, assieme al personale dell’ufficio tecnico comunale, hanno così deciso di controllare in modo approfondito per gli aspetti statici e di sicurezza tutti gli otto appartamenti del condominio, scoprendo cinque bombole non allacciate e conservate in modo non conforme alle norme di sicurezza in materia: per tale motivo sono state sequestrate. Controllati ad uno ad uno anche gli abitanti del palazzo, in prevalenza di origine straniera, risultati tutti in regola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Esiste una norma nazionale che regola la materia – spiega il sindaco Gianfranco Trapula - e noi possiamo intervenire direttamente nelle abitazioni private solo in casi di emergenza come quello di questa mattina. In situazioni del genere, come fatto oggi, assicuriamo il massimo impegno nei controlli. Confido però nel buon senso dei cittadini, perché  trovo assurdo mettere in pericolo la propria e l'altrui sicurezza con comportamenti di questo tipo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento