Molotov contro due agenti penitenziari, l'ira del sindacato

La denuncia è della sigla Uspp, il fatto è accaduto stamani al carcere vicentino di San Pio X: chiesto l'allontanamento dei detenuti violenti

Uno scorcio del carcere berico del San Pio X (archivio Vicenzatoday.it)

È durissima la presa di posizione dell'Uspp Triveneto, il sindacato della polizia penitenziaria, la quale lamenta l'ennesima aggressione ai danni del personale del carcere vicentino di San Pio X. La novità è emersa nel pomeriggio di oggi 26 marzo dopo che lo stesso sindacato ha diramato una breve nota dattiloscritta. «La Segreteria Regionale Uspp del Triveneto segnala la sesta aggressione del 2020 ai danni del personale di polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Vicenza. Nonostante l'emergenza nazionale dovuta al Covid-19, che sta attanagliando anche le strutture penitenziarie - si legge nel dispaccio - i detenuti...» proseguono con il loro comportamento aggressivo «nei confronti degli agenti penitenziari». Nella nota viene poi spiegato il dettaglio di quanto accaduto. «Questa mattina verso le  08.15, durante la perquisizione ordinaria, due detenuti, uno italiano ed uno straniero, ristretti in una sezione a custodia aperta, si sono opposti... barricandosi in camera. Immediatamente hanno iniziato a lanciare verso gli agenti penitenziari dei pezzi di ceramica ricavati dalla rottura del water per poi finire con il lancio di due molotov, realizzate con la modifica dei fornelletti in uso. Durante l'intervento tre agenti penitenziari hanno subito lesioni a causa delle esalazioni di fumo e dei colpi loro inferti dai ristretti, riportando contusioni multiple refertate con tre giorni di prognosi ciascuno. Entrambi i detenuti - si legge - erano giunti alla casa circondariale di Vicenza trasferiti da altre strutture da cui erano stati allontanati per fatti analoghi... Grazie alla elevata professionalità ed all'alto senso del dovere i poliziotti intervenuti, coordinati dal comandante di reparto, sono riusciti a riportare l'ordine interno e ad evitare peggiori conseguenze a persone o cose». Il sindacato poi chiude con un'ultima riflessione: «La segreteria regionale Uspp del Triveneto torna a chiedere ai vertici del dipartimento carcerario nonché al Ministro della giustizia urgenti interventi finalizzati a incrementare l'organico del reparto di polizia penitenziaria di Vicenza e ad allontanare i detenuti violenti, nonché a dotare i poliziotti di idonei strumenti per difendersi dalle aggressioni, quali i dissuasori elettrici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Coronavirus: il cibo per rafforzare il sistema immunitario

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Coronavirus, Zaia: "Curva in aumento ma c'è un nuovo soggetto Covid: asintomatico"

  • Obbligo di pneumatici invernali o catene: quando, dove, l'importo delle multe

  • Coronavirus, si va verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento