rotate-mobile
Cronaca

Si rifugia nell'ufficio postale e chiama la polizia: "Mi hanno minacciato con una pistola"

Gli agenti hanno fermato e denunciato per minacce aggravate due individui. Trovata e sequestrata una pistola a salve oltre che una mazza da baseball ed un coltello da cucina.

Nel tardo pomeriggio di lunedì, nei pressi dell'ufficio postale di via IV Novembre a Vicenza, la sezione volanti della questura - assieme alla squadra mobile e al reparto prevenzione crimine di Padova - è intervenuta a seguito di richiesta pervenuta al 113 da un domenicano che temeva di essere aggredito da due suoi connazionali. Secondo l'uomo uno dei due, attraverso un messaggio inviato via WhatsApp, lo avrebbe minacciato esibendo una pistola.

Gli agenti intervenuti dapprima hanno bonificato l’area esterna all’edificio dove si era nascosto il richiedente e poi hanno individuato un'auto a bordo della quale si trovavano due cittadini dominicani. Dopo gli accertamenti è emerso che il richiedente era stato oggetto, alcune ore prima, di minacce da parte di uno dei due sospettati. Il riferimento all’uso dell’arma ha portato gli operatori ad effettuare perquisizioni personali e domiciliari proprio nei confronti dei due soggetti. I poliziotti hanno così trovato presso l’abitazione di uno dei due una riproduzione di pistola Bruni modello 92 calibro 9 Pa Knal munita di tappo rosso e di cartucce “a salve”.

Nell’abitacolo della vettura, inoltre, sono state trovate e sequestrate una mazza da baseball ed un coltello da cucina.  Pertanto, a seguito dei primi riscontri, entrambi i soggetti (B.R.R.M., dominicano classe ‘96 e S.R.V.M, connazionale classe ’02) sono stati denunciati poiché ritenuti responsabili dei reati di minacce aggravate. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rifugia nell'ufficio postale e chiama la polizia: "Mi hanno minacciato con una pistola"

VicenzaToday è in caricamento