Cronaca

Parà stupratori: "Felici del carcere italiano"

Jerelle Gray Lamarcus e Darius Montre Mc Cullough nel luglio del 2014 avevano violentato e picchiato selvaggiamente una prostituta rumena. Condannati a sei anni ora sono detenuti a Trento

Il carcere di Trento

L'orrore andò in scena il 15 luglio scorso, nella zona di Vicenza Ovest. Due parà americani di stanza alla Ederle e al Dal Din stuprarono, picchiarono selvaggiamente ed abbandonarono in un campo una prostituta romena incinta di 6 mesi. Gli ex soldati statunitensi Jerelle Lamarcus Gray e Darius Montre McCullough, rispettivamente di 24 e 23 anni, sono stati per questo condannati in Cassazione a 4 anni e mezzo di reclusione per stupro di gruppo, lesioni e furto aggravato. Gray, inoltre, si era preso anche anche a 7 anni e mezzo stupro di una minore. 

Pene "morbide" rispetto alla giustizia USA la sentenza media per questo tipo di reati è di 11 anni e mezzo con un più, in alcuni Stati, la possibilità che venga applicata la "castrazione chimica". E, evidentemente, il sistema carcerario americano, deve fare più paura se gli stessi strupratori hanno recentemente dichiarato di essere

"Contenti di stare in Italia, il carcere negli Stati Uniti sarebbe stato molto peggio"

I due sono detunuti nel carcere di Trento dove possono guardare anche la televisione (a quanto sembra un "plus" non previsto nelle carceri americane). Durante il loro soggiorno nelle patrie galere, dopo aver subito un pestaggio al San Pio X da parte degli altri detenuti, sono finiti prima nel carcere veronese di Montorio e infine a Trento. Dove, a loro dire, non ci sono paragoni rispetto agli Stati Uniti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parà stupratori: "Felici del carcere italiano"

VicenzaToday è in caricamento