rotate-mobile
Cronaca

Michelle Obama a Vicenza, la polemica: "E i soldati usa licenziati?"

Polemiche dopo la visita di Michelle Obama al villaggio americano. Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di una "army wife" a cui i passeggini e i gelati regalti dalla first lady non sono bastati

L'inno americano ha appena finito di suonare sul palco allestito per la visita della first lady americana a Vicenza, ma non si spengono le polemiche tra le mogli dei soldati in servizio alla Ederle. I gelati e passeggini che Michelle Obama ha regalato durante la sua visita non convincono chi nella base vive tutti i giorni e che adesso vede la sua scelta di servizio ricompensata con un possibile licenziamento a causa dei tagli alla spesa militare del governo Usa. Forse, anche per questo l'incontro con la first lady è stato possibile solo per poche, selezionatissime, army wives.  

La signora Cloe (nome fittizio) ha voluto raccontare la sua verità e ciò che avrebbe voluto dire alla signora Obama e a quelle mogli che hanno accettato di prendere parte alla giostra mediatica: "...Dopo 17 anni di servizio attivo mio marito sarà separato involontariamente dall'esercito. Lui ha dovuto sottoporsi al Mandatory transition classes (periodo di reinserimento obbligatorio dopo essere stati al fronte), che consiste solo nel rivivere certe situazioni, ricevendo in cambio solo qualche whorkshop come ad esempio il boots to business. Quando finalmente il processo di transizione sarà finito,- continua Cloe- Mio marito, io e i nostri bambini riceveremo 180 giorni di copertura assicurativa militare, nessuna assicurazione sanitaria, nessuna pensione. Ci spetterà una piccola liquidazione che al netto delle tasse è una miseria. Forse il dipartimento della difesa non avrebbe dovuto permettere ai soldati ora in mobilità di restare in servizio così a lungo, lasciandoli andare prima, quando avrebbero potuto reinserirsi nel mercato come forza lavoro e così arrivare alla pensione."

Cloe vuole anche a sottolineare il trattamento che ricevono le mogli dei soldati: "Nessuno pensa alle spose. Io ho un master ma negli ultimi nove anni ho dovuto tralasciare i miei obbiettivi lavorativi, le mie possibilità di carriera, rimanendo la moglie di un soldato. Ora mi chiedo per cosa? Immagino che con tutti i sacrifici fatti almeno l'assistenza medica ci sarebbe dovuta essere garantita. Pensando alla visita della first lady, questa amministrazione dovrebbe essere vicina alle famiglie dei militari ma io non la vedo così." 

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michelle Obama a Vicenza, la polemica: "E i soldati usa licenziati?"

VicenzaToday è in caricamento