rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Malo

Malo, Ape sequestrato a nomade: paga il Comune

Da 5 anni il veicolo è in fermo amministrativo, senza che nessuno si sia mai fatto avanti per ritirarlo. L'Amministrazione comunale è costretta ad anticipare 5 mila euro per il deposito

Il Comune di Malo dovrà pagare 5 mila euro per saldare il conto del deposito di un mezzo sequestrato nel 2010 a un nomade. Si tratta di un Ape, immatricolato nel 1981 e ormai buono solo per i pezzi di ricambio. 

Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, nel 2010 la polizia locale fermo lungo via Colleoni S.T. nomade, all'epoca dei fatti 28enne. Il giovane guidava senza aver mai conseguito la patente, necessaria anche per l'Ape. Scattò la sanzione e il veicolo venne messo sotto sequestro e affidato in deposito alla ditta autorizzata Bernardele di Vicenza. La norma prevede il ritiro del mezzo sotto fermo dopo trenta giorni, ma evidentemente il nomade non era interessato a spendere nemmeno un centesimo per un Ape più vecchio di lui. A cinque anni di distanza ora la ditta ha presentato il conto al Comune che dovrà anticipare il conto del deposito. Una volta pagato, per riavere i soldi, servirà rivalersi sul nomade tramite una casella esattoriale. 

Una missione quasi impossibile: difficilmente, infatti, chi ha deciso di abbandonare l'Ape, spenderà una cifra così alta per riaverlo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malo, Ape sequestrato a nomade: paga il Comune

VicenzaToday è in caricamento