rotate-mobile
Cronaca Lonigo / Via Milano

Lonigo, gioventù bruciata: quartiere in ostaggio dei vandali

Lonigo sotto ostaggio dei vandali: scritte sui muri, danneggiamenti, perfino un incendio. Le scorribande notturne dei minorenni sembrano inarrestabili. Rabbia e paura tra i residenti

I residenti di via Milano, via Firenze e via Parma a Lonigo, sono sotto lo scacco di un gruppo di vandali. I giovani, tutti minorenni, hanno iniziato imbrattando  con lo spray le  panchine di un parco giochi, divenuto il loro punto di ritrovo assieme agli argini del Guà. Hanno finito con l'appiccare un incendio. 

Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, la lista delle malefatte dei vandali è lunga, ma quello che preoccupa è la passione per i roghi dei piccoli teppisti. All'inizio ad andare a fuoco  sono stati i cestini del parco, poi alcuni piccoli roghi sono stati accesi in un parcheggio. Giovedì scorso è avvenuto il salto di qualità. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire al sottopasso di viale Milano dopo che ad andare a fuoco erano state tre grosse rotoballe di fieno. Il fumo provocato dall'incendio avrebbe potuto causare incidenti sulla vicina strada provinciale. 

Sono una decina gli adolescenti colpevoli degli atti di vandalismo, tutti in età compresa tra i 13 e i 16 anni, per la maggior parte italiani. I residenti della zona sono esasperati e chiedono maggiori controlli al Comune, perchè parlare non basta più. Agli adulti che li hanno avvicinati i vandali hanno sempre risposto con bestemmie e gestacci. La situazione è ben nota alle forze dell'orine, carabinieri e agenti di polizia locale compiono frequenti giri del quartiere situato a sud del centro di Lonigo, ma i ragazzini fuggono rapidamente in bici o a piedi. E' successo anche nel caso dell'incendio al sottopasso, alcuni residenti avrebbero visto i ragazzi sghignazzare e andarsne via velocemente poco prima che le fiamme divampassero. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lonigo, gioventù bruciata: quartiere in ostaggio dei vandali

VicenzaToday è in caricamento