«Zonin sapeva tutto: io, rovinato negli affari e negli affetti»

Sono pesantissime le accuse lanciate dall'imprenditore Dario Loison, ascoltato oggi, giovedì, nell'aula bunker di Mestre nel processo sul crac Popolare di Vicenza

Dario Loison

«Il presidente Zonin sapeva tutto delle baciate, non può venire qua a proclamarsi innocente»

Sono molto pesanti le parole di Dario Loison, titolare dell'omonima presitgiosa impresa dolciaria con sede a Costabissara. La sua azienda, e quindi anche la sua famiglia, sono tra le principali vittime del crac della Banca Popolare di Vicenza: in fumo sarebbero andati decine di milioni di euro. 

Intervistato dal TG3 Veneto, a margine dell'udienza del maxi processo che si è tenuta giovedì mattina nell'aula bunker di Mestre, Loison ha ribadito quanto siano state pesanti le ripercussioni della condotta del consiglio di amministrazione sulla sua vita, sia economomica sia privata. 

Alla domanda sul perchè certe situazioni non fossero state messe in chiaro prima, all'Assemblea dei Soci, Loison ammette:  «Siamo stati ingenui: fuori dal Veneto ci prendono in giro». 

Potrebbe interessarti

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Drunken Duck, post shock: "Accuse pesanti"

  • Drunken Duck: ecco l'accusa

  • I colori più alla moda dell'estate del 2019

I più letti della settimana

  • Inferno in A4: schianto tra 4 tir, un morto

  • Schianto auto-moto: centauro gravissimo

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Incidente tra Tir in A4, un ferito incastrato nel camion: chilometri di coda

  • Batte la testa contro il palo della porta: gravissimo, in Rianimazione

  • Caldo, caldissimo... Estremamente caldo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento