Lavoratori in nero nel capannone abusivo: sigilli a un laboratorio cinese 

Blitz della polizia e dello Spisal nei locali di un'azienda di confezioni, adibiti anche a dormitorio. Un cittadino cinese è stato denunciato per sfruttamento del lavoro clandestino

Foto di archivio

Lavoravano e dormivano nel capannone fuori da qualsiasi norma di legge. Il commissariato di polizia di Bassano del Grappa, assieme allo Spisa dell'Ulss 7 Pedemontana ha effettuato nella giornata di mercoledì un blitz presso la ditta "Confezioni XIA di XIA Suihao" a Rossano Veneto in via Meucci nr. 5.

Durante l'accertamento gli operatori hanno riscontrato che su  23 persone di origine cinese impiegate nella ditta erano 16 prive di regolare assunzione e cinque di loro completamente irregolari. Lo stabile era inoltre privo di qualsiasi dichiarazione di conformità e in una zona del fabbricato erano stati adibiti - in modo abusivo - dei locali ad uso dormitorio prive di vie di uscita e di emergenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla porzione di fabbricato adibita a laboratorio sono scattati i sigilli per sfruttamento del lavoro clandestino. Il sequestro è stato operato a carico di ZHOU Youyu Zhou, 45enne cinese residente a Borso del Grappa (TV) in via Molini, indagato per il reato di cui sopra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio ditta stoccaggio rifiuti speciali: colonna di fumo visibile a chilometri di distanza

  • Emergenza Covid: spostamenti ingiustificati, fioccano le multe in città

  • Coronavirus, da lunedì i cittadini possono richiedere i buoni spesa: ecco come fare

  • Covid-19, 11698 veneti positivi: 1715 nel Vicentino, 4 i decessi all'ospedale di Santorso

  • Coronavirus è nell'aria e nelle superfici? Ecco quante ore rimane

  • Coronavirus, superati i 10mila contagi in Veneto: diminuiscono i ricoverati

Torna su
VicenzaToday è in caricamento