rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

La mamma gli ha donato un rene e Samuele Riello le dedica la maratona

Samuele Riello, 39 anni, di Vicenza, è affetto da una rara malattia genetica che lo ha costretto a un trapianto di rene nel 2011. La donatrice è stata la madre, Rosetta. Oggi macina chilometri e vuole portare a termine la Venice Marathon, in programma domenica

A distanza di poco più di 4 anni da un trapianto di rene, si appresta a correre la Venice Marathon, in programma domenica nella città lagunare. Il protagonista di questa "miracolosa" impresa è Samuele Riello, vicentino di 39 anni, e la dedicherà alla madre Rosetta, che gli ha donato la vita per la seconda volta. 

Riello, sulle pagine de Il Gazzettino, racconta il suo calvario, iniziato quando gli fu diagnosticata una rara malattia genetica, la policistosi renale. Poi, nell'aprile del 2011, il trapianto. Dopo appena 4 mesi, si iscrive alla "running school" di Atletica Vicentina e inizia il suo faticoso cammino, in senso letterale, verso un ritorno ad una vita il più normale possibile. Sul suo profilo Facebook, il 39enne riporta le distanze percorse, sempre più lunghe: i 42,195 chilometri della maratona olimpica sono il suo obiettivo e proverà a centrarlo domenica. 


"E’ una sfida personale, ma non lotterò contro il cronometro - spiega Riello al quotidiano - Forse sarà una delle mie tante pazzie perché affrontare la distanza della maratona, per i problemi di idratazione legati al mio stato di salute, non sarà semplice. Ma sono risoluto a correre verso quel traguardo che rappresenta per me l’inizio di questa seconda e nuova vita. Voglio gridare a quelli fortunati come me e a quelli che stanno aspettando in una lista d’attesa, che il trapianto è un dono per correre verso la vita e di guardare ogni giorno con la fierezza e la gioia, per dire siamo vivi qui ora. Grazie mamma".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mamma gli ha donato un rene e Samuele Riello le dedica la maratona

VicenzaToday è in caricamento