menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle tante immagini scattate dai tifosi

Una delle tante immagini scattate dai tifosi

L'agguato di Brescia, Vicenza Calcio: "Non può passare sotto silenzio"

La nota della società berica all'indomani dei fatti accaduti nel post partita di martedì. "Definirla un'aggressione barbara e vile è un eufemismo"

E' netta la condanna del Vicenza Calcio per i fatti avvenuti dopo la partita al Rigamonti, come la solidarietà ai tifosi aggrediti, in particolare al giovanissimo ferito. 

L'AGGRESSIONE
IL VIDEO DELLA QUESTURA
LA PARTITA


In una nota il club di via Schio "condanna ogni forma di violenza sia essa proveniente dai propri tifosi o da quelli avversari ed esige pari trattamento nella valutazione in sede di giustizia o di commento. Non può passare sotto silenzio il premeditato agguato ordito da sostenitori del Brescia nei confronti di mezzi sui quali viaggiavano famiglie di tifosi biancorossi. Gli aggressori bresciani si erano nascosti in una scarpata a ridosso della tangenziale Ovest in attesa del passaggio dei pullman biancorossi lanciando pietre e bastoni. Tra gli altri è rimasto ferito e ricoverato in Ospedale un giovane tifoso di dodici anni colpito ad un occhio dalle schegge di vetro dell’autobus andato in frantumi. Definire vile e barbara l’aggressione, che ha assunto connotati di pura violenza, appare mero eufemismo. Vicenza Calcio esprime profonda solidarietà ai propri tifosi sempre presenti in occasione delle trasferte, a tutti i gruppi e al Centro Coordinamento Club Biancorossi ed è vicino al giovane tifoso e a tutti coloro che hanno vissuto il terrore e i disagi di una notte incancellabile dalla loro memoria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento