Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Influenza e aria inquinata: Capodanno con la mascherina per bambini e anziani

Per tutto il fine-settimana prevarranno condizioni di tempo stabile con aumento delle temperature in quota, intensificazione dell'inversione termica e venti deboli. La situazione meteorologica sarà pertanto favorevole al ristagno degli inquinanti ed è previsto un progressivo aumento delle concentrazioni di polveri sottili

Dopo una temporanea attenuazione dell'inversione termica, favorita da un calo delle temperature in quota nella giornata di ieri, da venerdì si ristabiliscono sulla regione condizioni di alta pressione, favorevoli al ristagno delle polveri sottili; la qualità dell'aria sarà in peggioramento, risultando tra accettabile e scadente, con i valori peggiori registrati soprattutto nei maggiori centri urbani.

Sabato persisteranno condizioni di tempo stabile con marcate inversioni termiche e scarsa ventilazione che determineranno un ulteriore aumento delle concentrazioni di polveri; la qualità dell'aria sarà in prevalenza scadente.

Almeno fino a lunedì, la persistenza dell'alta pressione determinerà condizioni di atmosfera poco dispersiva, quindi sarà favorito il ristagno e l'accumulo degli inquinanti.

COSA FARE Il particolato atmosferico rappresenta un problema per la salute. Le categorie della popolazione più a rischio sono i bambini, gli anziani e le persone affette da malattie croniche dell’apparato respiratorio e circolatorio, in generale più vulnerabili agli effetti dell’inquinamento. Sono inoltre a rischio le persone che passano molte ore all’aperto facendo attività fisica o lavori pesanti. Durante l’attività fisica, infatti, le polveri sottili penetrano più profondamente nell’apparato respiratorio. L’esposizione al particolato atmosferico diventa tanto più importante quanto più intensa è l’attività fisica che si sta svolgendo.

Si deve tenere conto che durante la giornata la concentrazione del particolato atmosferico non è costante, con valori minimi nelle ore centrali della giornata e valori massimi dalle prime ore della sera alle prime ore del mattino. Inoltre i livelli degli inquinanti atmosferici in generale sono più bassi lontano dalle sorgenti emissive (strade, impianti produttivi ecc.). Per tale motivo durante la stagione fredda è preferibile concentrare le attività all’aria aperta alle prime ore del pomeriggio e distante dai bordi delle strade; aerare le abitazioni in tarda mattinata o nel primo pomeriggio, evitando di lasciare aperte per lungo tempo le finestre la mattina presto o in serata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza e aria inquinata: Capodanno con la mascherina per bambini e anziani

VicenzaToday è in caricamento