Incidenti stradali

Centauro morto nella collisione tra camion e moto, l'autista patteggia

Nell'incidente, avvenuto il 13 agosto del 2019, c'è il concorso di colpa della vittima, il 26enne vicentino Luca Bontorin, che viaggiava sopra il limite. L'autista del mezzo pesante se l'è cavata con una condanna a 1 anno e 2 mesi

luca bontorin

C'era stato un concorso di colpa da parte del centauro schiantatosi contro il suo camion, adibito al trasporto bibite. E così Simone Bellò, 45 anni, di Borso del Grappa, ha potuto patteggiare una pena tutto sommato contenuta: un anno e 2 mesi di reclusione, con la sospensione.

A perdere la vita nell'incidente stradale, avvenuto il 13 agosto del 2019 a Borso del Grappa, era stato Luca Bontorin, 26enne operaio edile di Romano d'Ezzelino. Il giovane, che stava viaggiando verso Mussolente in sella alla sua Yamaha R1, era  finito contro un camion dell'azienda di distribuzione bibite di Simone Bellò, in via Molini, mentre questo, una volta raggiunta l'azienda, stava svoltando a sinistra per entrare nel parcheggio. La moto è quindi andata a sbattere contro la parte posteriore del mezzo pesante e per Bontorin non c'è stato nulla da fare. Il violentissimo impatto della moto lo ha infatti sbalzato dalla sella, facendogli fare un volo di tre metri fino all’altra parte della strada.

Secondo le perizie il giovane stava percorrendo la strada ad una velocità che sarebbe stata dai 15 ai 30 km superiori al limite, che in quel tratto stradale è fissato a 70 chilometri all'ora. Le immagini ottenute dalle telecamere di una stazione di servizio confermano che il ragazzo non ha visto la manovra del mezzo e che, come originariamente affermato da alcuni testimoni oculari, viaggiava a testa bassa ed era in fase di accelerazione.

Fonte: Trevisotoday.it
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centauro morto nella collisione tra camion e moto, l'autista patteggia

VicenzaToday è in caricamento