Travolge la segnaletica e un muro con l'auto del padre: dopo le ferite arriva la stangata

Da quello schianto era uscito vivo, seppur con diverse contusioni. Nonostante in pochi giorni si sia ristabilito, gli accertamenti medici hanno però inchiodato alle sue responsabilità un 34enne

Si è salvato la vita, pur uscendo da quel tremendo incidente con diverse contusioni. Ma però ha dovuto fare i conti con la legge. I carabinieri hanno infatti notificato a un 34enne di Rosà la denuncia per guida in stato d'ebrezza e il conseguente ritiro della patente in seguito a un incidente. 

L'incidente

L'uomo, come scrive Padovaoggi è accusato di guida in stato di ebbrezza, provvedimento che gli è stato notificato martedì mattina dai carabinieri di Cittadella, titolari dell'indagine nata dopo la carambola che lo ha visto coinvolto tra il 5 e il 6 ottobre. Quella notte poco dopo l'1 il vicentino stava percorrendo via Europa, alle porte della cittadina murata, a bordo della Opel Corsa intestata al padre. Aveva perso il controllo dell'utilitaria, piombando addosso ad alcuni paletti di metallo che delimitano la pista ciclabile e finendo la sua corsa contro il muretto esterno di un'abitazione.

I dubbi

Aveva fatto tutto da solo, come avevano immediatamente appurato gli inquirenti accorsi sul posto insieme ai sanitari del Suem, escludendo il coinvolgimento di altre persone o veicoli. Da subito era avanzato il sospetto che il conducente potesse aver assunto qualche sostanza che ne aveva compromesso le capacità di guida, una scelta rivelatasi fatale insieme alla velocità sostenuta. Per questo gli inquirenti avevano chiesto che il 34enne fosse sottoposto ai test tossicologici una volta arrivato all'ospedale per le medicazioni.

I risultati

Test che a distanza di qualche settimana hanno dato un responso inequivocabile: l'uomo era ubriaco, tanto che nel suo sangue è stato rilevato un tasso alcolemico di 2,6 g/l, cinque volte oltre il limite consentito. Un valore che gli è costato una denuncia ma anche il ritiro della patente.Evitato invece il sequestro del mezzo, che era intestato al genitore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dalle ferie in Crozia: cinque ragazzi positivi al Coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Poliziotto blocca un ragazzo, scoppia il caos in piazza Castello

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Coronavirus, tre nuovi casi a Vicenza: aumentano gli isolati su tutta la regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento