Rogo distrugge pizzeria, un intossicato: non si esclude il dolo

Intervento dei vigili dei fuoco al locale "J'Adore". Un residente sopra alla struttura è stato portato in ospedale per aver respirato il fumo

Notte di lavoro per i vigili del fuoco che alle  20 di giovedì sono intervenuti a Rosa' per l'incendio divampato all'interno della pizzeria J'Adore di  in via Monsignor Caron, chiusa dall1 gennaio. Un residente nell'appartamento sopra il locale è stato portato in ospedale per aver respirato del fumo.

I pompieri arrivati da Bassano, Cittadella e Vicenza con due autopompe, due autobotti, un'autoscala e 14 operatori sono riusciti a spegnere il rogo, che ha completamente devastato il locale e il  magazzino seminterrato. Sono ora in corso le operazioni di aerazione dei locali. Le cause dell'incendio di cui non si esclude il dolo sono al vaglio dei vigili del fuoco e dei carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Frontale fra 2 auto: 3 feriti, grave una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento