rotate-mobile
Cronaca

Il caso multe, il Comune: "Il ministero ci da ragione"

In relazione alla nota del ministero dei Trasporti sulle multe a chi sfora la sosta, Palazzo Trissino risponde: "Abbiamo ragione noi"

Tra le polemiche estive, nel Vicentino entra di diritto quella sulle multe per divieto di sosta, o meglio, per sforamento del termine previsto dal ticket. Dopo la notizia della "bocciatura" da parte del ministero su questo provvedimento, arriva puntuale la replica di Palazzo Trissino. Ma, in burocrazia, i "se" e i "ma" stanno come il formaggio con le pere, come sottolineato dalla stessa amministrazione. 

"Il pronunciamento del ministero sembra dare ragione alle scelte del Comune di Vicenza - spiega la nota - La polizia locale, infatti, non ha mai sanzionato i veicoli in sosta sugli stalli blu con ticket scaduto perché questa non costituirebbe una violazione del codice della strada. Da lunedì 18 maggio sono state introdotto penali fisse (e non multe per violazione del codice della strada) per contrastare con maggiore efficacia chi parcheggia l’auto negli stalli blu con ticket scaduto. Sostare con biglietto scaduto dove non c'é limitazione oraria non comporta sanzioni amministrative, ma ci sono penali da 25 euro, 20 euro e 15 euro a seconda della zona elevate dagli accertatori di Aim. Le sanzioni non scattano se l'irregolarità viene rilevata nei primi 15 minuti dalla scadenza del biglietto, con esclusione degli stalli dove vige la durata massima della sosta di 30 e 60 minuti, e con esclusione di biglietti di validità inferiore ai 60 minuti. Nei giorni festivi, le penali sono di 15 euro indistintamente nelle zone A, B e C. Pertanto il Comune di Vicenza non introdurrà modifiche a questa impostazione in seguito al pronunciamento del ministero”
 

Entrata in vigore dal 18/5 (comunicato 16/5) https://www.comune.vicenza.it/albo/notizie/notizie.php/127179

Annuncio 31/3 https://www.comune.vicenza.it/albo/notizie/notizie.php/124870

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso multe, il Comune: "Il ministero ci da ragione"

VicenzaToday è in caricamento