I No dal Molin, braccia prestate all'agricoltura: seminati i cereali bio

È l'avvio di una filiera per unisce diversi spazi resistenti di Vicenza: dal Presidio No Dal Molin al Bocciodromo di via Rossi, dove la prossima estate i cereali coltivati a Ponte Marchese saranno trasformati in pane e pizza

Un momento della semina (foto No dal Molin)

Una semina biodiversa di cereali, "per dimostrare che la lotta per la tutela del territorio dalla militarizzazione continua, unendosi a quella per la difesa della piccola agricoltura contadina".

Dopo la manifestazione di sabato per una città libera dalla paura e dalle servitù militari, contro l’uso strumentale di ebola in chiave razzista e xenofoba, domenica mattina il Gruppo d’acquisto solidale No Dal Molin ha organizzato una semina nel terreno del Presidio, a Ponte del Marchese. È l’avvio di una filiera per unisce diversi spazi resistenti di Vicenza: dal Presidio No Dal Molin al Bocciodromo di via Rossi, dove la prossima estate i cereali coltivati a Ponte Marchese saranno trasformati in pane e pizza. L’area seminata a cereali è di circa 500 metri e avrà scopo didattico, oltre che l’obiettivo di produrre un piccolo quantitativo di cereali biologici da cui ricavare farina.

“Abbiamo seminato 11 diverse varietà di cereali: alcuni autoctoni del Veneto, altri provenienti da diverse zone d’Italia, ma tutte selezionate da piccole aziende agricole che praticano l’agricoltura biologica”, spiegano i promotori dell’iniziativa. “Tra alcuni mesi, quando i grani saranno cresciuti, potremo così osservarne la biodiversità e riconoscere le diverse varietà, pensando ai loro usi in cucina, che sperimenteremo al Cs Bocciodromo”. Un’altra parte del Presidio è stata lasciata libera dalle coltivazioni per ospitare il consueto mercato dei piccoli produttori locali e delle autoproduzioni: il prossimo mercato si svolgerà la terza domenica di novembre, il 16, dalle ore 9 alle 13.

Sono passi che porteranno alla costruzione di un evento nazionale per la prossima primavera: a metà aprile Vicenza ospiterà l’incontro nazionale di Genuino Clandestino, una campagna nata per la tutela della piccola agricoltura contadina e per stringere reti territoriali che lavorano sui temi della terra e della biodiversità. “Tenere l’ultimo l’incontro nazionale di Genuino Clandestino prima dell’inizio di Expo a Vicenza, città di Maltauro - al centro degli scandali del grande evento milanese -, ci sembra un modo per far emergere le contraddizioni di Expo 2015, evento che usa l’agricoltura strumentalmente per affamare sempre più i piccoli produttori e nutrire solamente le grandi ditte sementiere, le multinazionali del cibo e le lobby che cementificano la nostra terra”, dichiarano i promotori. “Sono questi alcuni dei temi che porteremo al prossimo incontro nazionale di Genuino Clandestino, un incontro che costruiremo in questi mesi con iniziative e assemblee aperte a tutta la cittadinanza e a chi pensa che un’altra agricoltura, libera da Ogm e sementi ibride, sia possibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al laghetto di Marola la nuova spiaggia di Vicenza

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Allagamenti e frane, il Vicentino flagellato dal maltempo: alluvione a Solagna

  • Stop del Tosano, il punto vendita non si farà: dietrofront dopo l'emergenza Covid

  • Trasportano alimenti con 60 gradi nel furgone: maxi multa a un pasticciere

  • Folgorato da una scarica elettrica: grave operaio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento