Cronaca

I carabinieri di Vicenza a Malga Bala per redere onore ai 12 militari trucidati nel '44

La cerimonia di commemorazione ha visto la partecipazione del comandante generale dell'Arma, Gallitelli, oltre a molte autorità, civili e militari, e ai familiari delle vittime

Un momento della cerimonia

Il 25 marzo 2014, a Tarvisio, nell Udinese, nel corso di una solenne cerimonia organizzata dall’Arma dei Carabinieri e dall’Amministrazione comunale, il Comandante Generale dell'Arma Leonardo GALLITELLI, - nel 70° dell’Anniversario - ha reso onore ai 12 Carabinieri decorati di Medaglia d’Oro al Merito Civile, trucidati nel 1944 in località Malga Bala (oggi Slovenia), deponendo una corona d’allora all’interno del Tempio Ossario, dove sono custodite le spoglie di 7 dei 12 Caduti (le altre 5 sono state nel tempo traslate nei luoghi d’origine).

LA CERIMONIA commemorativa è iniziata con la Santa Messa nell’attigua Chiesa Parrocchiale “Santi Pietro e Paolo”, celebrata dal cappellano militare della Legione Carabinieri “Friuli Venezia Giulia”, Don Francesco ARGENTERIO, assistito dal parroco di Tarvisio, Don Claudio BEVILACQUA e dal Cappellano di Plezzo (Slovenia) Viljem CUSIN. Erano presenti, oltre ai familiari dei Caduti ed un folto pubblico, in rappresentanza del Governo il Sottosegretario alla Difesa Domenico ROSSI, il Vice Comandante Generale dell’Arma Generale di C.A. Tullio DEL SETTE, il Comandante Interregionale “Vittorio Veneto”, Generale di Divisione Antonio RICCIARDI, il Commissario Generale Onoranze ai Caduti in Guerra, Generale di Divisione Silvio GHISELLI, il Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri, Generale Corpo d’Armata Libero LO SARDO, il Presidente dell'O.N.A.O.M.A.C., Generale Corpo d’Armata Ceeare VITALE, i Prefetti di Udine, Trieste e Gorizia, il Presidente del Consiglio Provinciale, Autorità civili e militari di livello regionale e provinciale nonché il Sindaco di Plezzo (Slovenia) Sinisa GERMOVSEK e il Sindaco di Tarvisio, Renato CARLANTONI.



LA STORIA Prima di lasciare Tarvisio, il Generale Gallitelli ha voluto incontrare i familiari dei Caduti con i quali si è intrattenuto rinnovando con la consegna di un attestato la sua riconoscenza ai 12 Eroi per il senso del dovere dimostrato, spinto fino all’estremo sacrificio. Il Vice Brigadiere Dino Perpignano ed i Carabinieri Primo Amenici, Lindo Bertogli, Michele Castellano, Ridolfo Colzi, Domenico Giuseppe Dal Vecchio, Fernando Ferretti, Antonio Ferro, Attilio Franzan, Pasquale Ruggiero, Pietro Tognazzo e Adelmino Zilione - ai quali il Presidente della Repubblica il 27 marzo 2009 ha conferito la Medaglie d’Oro al Merito Civile “alla memoria” - erano in servizio presso il posto fisso di Bretto Inferiore, oggi in Slovenia, per la vigilanza e la protezione della locale centrale idroelettrica, che, più volte sabotata, riforniva di energia tutta la popolazione della zona di Cave di Predil, in provincia di Udine. Il 23 marzo del 1944 i Carabinieri vennero catturati da truppe irregolari di partigiani slavi, che, a tappe forzate, li condussero sull’altopiano di Malga Bala. Imprigionati all’interno di un casolare, i militari subirono atroci torture prima di venire barbaramente trucidati due giorni dopo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri di Vicenza a Malga Bala per redere onore ai 12 militari trucidati nel '44

VicenzaToday è in caricamento