Grisignano, guerriglia al Prix: cariche della polizia sui lavoratori e un ferito

E' precipitata la situazione al magazzino Prix di Grisignano, dove, anche venerdì mattina c'è stata la protesta dei lavortaori delle cooperative licenziati. Ci sono state cariche della polizia e c'è un ferito

Foto Adl Cobas

E' precipitata la situazione al magazzino Prix di Grisignano. Dopo i blocchi di giovedì, venerdì - riferisce Global Project - alle prime ore dell’alba centinaia di persone hanno raggiunto l’ingresso principale del magazzino, per portare solidarietà ai lavoratori licenziati.

AGGIORNAMENTI

Ore 16.00 Si è conclusa la giornata di scontri in via del Lavoro, a Grisignano. Dopo diversi scontri con le forse dell'ordine, i blocchi sono stati dispersi, "con cariche e lanci di lacrimogeni" riferisce Adl Cobas. "La risposta dello Stato nei confronti delle persone licenziate da Prix è stata quella della repressione rendendo evidente il patto stretto tra grandi committenti, la politica e i sindacati confederali CGIL-CISL-UIL sulla pelle di decine di famiglie - è la conclusione di Olol Jackson - Quello che è successo al Prix di Grisignano del Zocco è un pericoloso precedente, il timore è di veder ripetersi lo stesso gioco consentito dal Jobs Act anche in altri magazzini del comparto della logistica. La lotta dei lavoratori comunque continuerà e va avanti con determinazione a rivendicare diritti e dignità".

PRIX: LAVORATORI LICENZIATI

Come la mattinata precedente, "è giunta anche la celere e dopo alcune ore di tensione, intorno alle 11,30 le forze dell’ordine hanno effettuato violentissime cariche della celere ai lavoratori ed agli presenti. Gli ingressi sono stati bloccati e numerosi lacrimogeni sono stati lanciati dall'interno del piazzale del Prix - rifersice Global Project - Durante le cariche ci sono stati alcuni feriti. Ad un lavoratori, tra quelli che hanno subito il licenziamento, è stata rotta una mano da una manganellata. Il blocco di operai ed attivisti ha dato fuoco alle barricate per respingere le cariche della polizia. Lavoratori e solidali hanno resistito alla violenza della celere e si sono diretti sul cavalcavia della tangenziale, a poche centinaia di metri dal Prix, per continuare a bloccare gli accessi al magazzino. Operai ed attivisti stanno continuando questa grande giornata di resistenza e si sono nuovamente portati all'entrata dei magazzini Prix. La celere è schierata in assetto antisommossa e blocca qualsiasi accesso ai cancelli". 

IL VIDEO DELLE CARICHE 
VIDEO: LA CARICA PER FAR PARTIRE I CAMION



 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Atletica in lutto: Alen non ce l'ha fatta, giovane promessa muore a 18 anni

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

  • Violento schianto auto-moto in provincia: centauro in gravi condizioni

  • Inciampa e parte un colpo di fucile: muore cacciatore

Torna su
VicenzaToday è in caricamento