rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca

Giornalista vicentina insultata su Fb da un leghista: "Al 100esimo stupro se ne accorgerà"

Dopo l'intervista di Silvia Fabbi ad un convertito all'Islam, il leghista Sergio Armanini "Ma perché non le mettiamo un Burka e la facciamo andare in Nigeria? Forse dopo il centesimo stupro si sveglierà"

La vicentina Silvia Fabbi, giornalista del Corriere dell’Alto Adige, è stata insultata e criticata su Facebook per aver scritto un articolo su un gruppo convertitosi all’Islam creato da un 23enne originario del Marocco e residente a Bolzano. Maria Teresa Tomada, consigliere comunale per Fratelli d’Italia, l'ha accusata di “buonismo ottuso” ma ben oltre è andato Sergio Armanini, già candidato sindaco della Lega Nord a Merano che, riferendosi alla Fabbi, ha scritto: “Ma perché non le mettiamo un Burka e la facciamo andare in Nigeria? Forse dopo il centesimo stupro si sveglierà”. 

Il sindacato dei giornalisti e l’Ordine dei giornalisti del Trentino Alto Adige, assieme al comitato di redazione delle testate Corriere dell’Alto Adige e Corriere del Trentino, hanno espresso piena solidarietà alla collega “diventata vittima di un grave insulto e di un atto intimidatorio sul web”. In una nota congiunta, sindacato, ordine e cdr, condannano “categoricamente questa inaccettabile aggressione verbale rivolta – non a caso – a una giornalista donna. Questo fatto rappresenta una violenza vera e propria. Si condanna anche il comportamento della consigliera comunale bolzanina Maria Teresa Tomada (Fratelli d’Italia/Alleanza Nazionale), sul cui profilo Facebook è avvenuto il fatto. Tomada non ha, infatti, immediatamente cancellato questo spregevole intervento di Armanini, ma l’ha addirittura commentato, accusando Fabbi di ‘buonismo ottuso’”.

Al fianco di Silvia Fabbi è sceso in campo anche il direttore del Corriere dell’Alto Adige, Enrico Franco, che a lei ha dedicato il suo editoriale sul giornale del 4 dicembre. “Francamente – scrive Franco – di fronte a simili farneticazioni, ecisamente gravi e insopportabili, ancor più tenendo presente il ruolo istituzionale di chi le pronuncia – mi sembrerebbe quasi superfluo manifestare un disgusto senza fine, esprimere a Silvia Fabbi la totale solidarietà mia e di tutto il Corriere dell’Alto Adige, condannare il razzismo e l’inciviltà di Maria Teresa Tomada e Sergio Armanini”. “Mi pare sufficiente aver riportato alcune delle parole vomitate dagli esponenti della destra più vetusta: loro non capiscono quello che scrivono, ma i nostri lettori fortunatamente sì”, conclude il direttore del Corriere dell’Alto Adige.


Armanini si è scusato: “E’ stata una reazione a caldo e mi dispiace sinceramente”, ha detto all’Ansa. Armanini afferma di “non essere ancora risuscito a sentire la signora Fabbi” e si è giustificato sostenendo di essere di madrelingua tedesca e di aver scritto il post in italiano. “Mi dispiace – ha aggiunto - di avere offeso la giornalista, perché non era nelle mie intenzioni. Odio qualsiasi forma di violenza. Non ho voluto, e non lo farò mai, istigare la gente a usare qualsiasi forma di violenza”. Armanini spiega di aver reagito “con le parole sbagliate” a un post della consigliera comunale Maria Teresa Tomada che riportava una foto dal profilo Facebook del ragazzo musulmano, intervistato dalla giornalista, che “mostrava un cane che urina sulla bandiera israeliana”. E conclude sostenendo anche di conoscere “parecchie persone d’origine nigeriana che nella loro patria hanno subito qualsiasi forma di violenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornalista vicentina insultata su Fb da un leghista: "Al 100esimo stupro se ne accorgerà"

VicenzaToday è in caricamento