Cronaca Montebello Vicentino

Muratori clandestini e senza tutele: imprenditore a processo

Giampaolo Barbiero, 60 anni, di Montebello, è accusato di aver fatto lavorare almeno 112 persone non regolari in Italia: nessun contratto, nè contributi, nè condizioni di sicurezza nei cantieri

Nessun contratto, nessuna condizione di sicurezza nei cantieri, nessun contributo previdenizale: erano queste le condizioni in cui hanno lavorato almeno 112 persone, stranieri non regolari in Italia, per conto dell'imprenditore edile Giampaolo Barbiero, 60 anni, residente nel veronese ma domiciliato a Montebello. Sono emersi una trentina di cantieri - alcuni di piccolissime dimensioni - disseminati fra Vicenza, Creazzo, Montebello, Camisano, il bassanese, la provincia di Padova e quella di Verona, dove Barbiero avrebbe replicato la sua idea di impresa. TAGLI ALLA SICUREZZA PER LA CRISI

Le indagini sono partite dopo due controlli, nel 2009 e nel 2010. In entrambe le occasioni era emerso che nei cantieri lavoravano stranieri senza permesso di soggiorno, africani e serbi. Nel frattempo, le attività di Barbiero venivano costantemente segnalate da altre imprese edili, per concorrenza sleale: le sue offerte risultavano sempre più basse, visto il consistente risparmio utilizzando mano d'opera ireggolare. Dopodichè, una serie di controlli a tappeto dei carabinieri di Verona, adiuvati dai colleghi vicentino  ed il quadro che emerse fu sconvolgente, a detta di uno degli inquirenti. "L'utilizzo di personale non in regola con il permesso di soggiorno o comunque “in nero” è stato sistematico nel giro di almeno un anno e mezzo", si legge in un'informativa alla procura.

Il pm vicentino Claudia Dal Martello ha raccolto tutti i fascicoli e strutturato un'indagine su larga scala: ora Barbiero dovrà rispondere in tribunale di svariati capi di imputazione da Codice penale. Si difende sostenendo di avr utilizzato personale reclutato da agenzie interinali.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muratori clandestini e senza tutele: imprenditore a processo
VicenzaToday è in caricamento