rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Gara sadica al Pronto soccorso, il M5S: "Il direttore dell'Ulss venga a riferire in commissione"

Dura reazione del Movimento cinque stelle veneto dopo la scoperta che alcuni medici ed infermieri facevano gare sadiche sui pazienti del Pronto soccorso. Berti: "Quello che è successo ha dell'incredibile"

 Una vera e propria gara sulla pelle dei pazienti, con punteggi in base alle cannule inserite nelle vene dei malati: è accaduto all’ospedale di Vicenza, dove un’indagine interna ha portato a sanzioni disciplinari nei confronti del personale.

“Quello che è successo ha dell’incredibile, sono profondamente indignato – ammette Jacopo Berti, capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale - in quanto vicepresidente della Commissione Sanità sento la responsabilità di fare tutto quanto in mio potere per scovare e punire gli autori di questa barbarie”. “E’ in corso un’indagine interna all’ospedale di Vicenza. Abbiamo già chiesto che il direttore generale dell’asl di riferimento venga in Commissione a relazionare su quanto accaduto – rivela il vicepresidente della Commissione Sanità - fare giustizia è doveroso per la dignità di questi pazienti, per il dolore dei loro parenti e per la tutela di una sanità, quella veneta, che non possiamo concedere venga macchiata da episodi del genere”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gara sadica al Pronto soccorso, il M5S: "Il direttore dell'Ulss venga a riferire in commissione"

VicenzaToday è in caricamento